Utente 357XXX
Buongiorno,un ringraziamento per l attenzione,richiedo un consulto in merito ad un sintomo che avverto già da un po',vengo al dunque:mi capita che in alcuni momenti della giornata,spesso dopo i pasti ma non esclusivamente, stando seduto per diversi minuti nel rialzarmi avverto uno sgradevole disturbo ,in pratica mi capita di avvertire un lieve rallentamento della frequenza cardiaca con leggero cardiopalmo e sensazione di costrizione alla gola e alla parte superiore del torace ,il tutto dura 5 o 6 secondi al massimo,permetto che sono sicuro che non sono extrasistole,dato che mi capita di avvertirne sporadicamente e la sintomatologia e completamente diversa,ho eseguito test da sforzo cicloergometrico ed ecocardiografia risultanti nella norma,cosa ne pensate del mio disturbo?potrebbe trattarsi di una stimolazione vagale?grazie.
[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Credo proprio che siano normali risposte emodinamiche ai cambi di postura....la negatività delle indagini eseguite, poi, ci tranquillizza sulla eventuale genesi cardiaca.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 357XXX

Iscritto dal 2014
Grazie per la sua disponibilità nel rispondere,e davvero gentile,se non sono troppo esigente vorrei chiedere un ultima cosa:sono caratterialmente abbastanza emotivo e per questo sono in cura da uno psicoterapeuta,mi capita in alcuni momenti,tipo colloquio di lavoro,ansia pre-esame universitario,insomma qualsiasi avvenimento che provoca un agitazione emotiva a me capita di avere tachicardia e ipertensione arteriosa,me ne accorgo perché gli occhi diventano rosso e anche il volto,ad esempio l altro giorno il medico voleva misurarmi la pressione e il solo pensiero mi e salita a 180\100,in condizioni standard ho 120\80..secondo voi codesti avvenimenti ipertensivi sono pericolosi?
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Guardi, l'ansia quando non è motivita è una vera e propria malattia, che può generare anche danni su organi ben precisi (cuore compreso)...ma se è solo un problema caratteriale (come sembra) potrebbe bastare, a mio giudizo, un colloquio con uno psicologo per stabilire un eventuale programma insieme....ci pensi.
Cordialmente