Utente 129XXX
Buongiorno Dottori... quello che mi porta a scrivere a voi è ovviamente l'ansia e anche l'evitare di litigare in ospedale. (sembra sempre che a fare domande specifiche loro non siano chiari e rispondono scocciati).
Da circa una settimana mio padre accusa dolore all'addome senza voler andare a farsi vedere perché dopo circa mezz'ora il dolore svanisce.
Sabato notte si è dovuto recare in pronto soccorso perché il dolore non si calmava più. Io ero al lavoro così sono stata avvisata dopo e a cose "quasi fatte". Per quel che mi è stato riferito gli sono stati fatti diversi prelievi ed ecografie. Da queste ho sentito parlare di calcoli alla colecisti e pancreatite.
Lui ora dice di star meglio. Lo hanno lasciato a digiuno fino a 'sta mattina perché ieri ha rigettato anche la pillola che prendeva per la pressione.. così ha non gliel'hanno data nemmeno 'sta mattina perché la pressione andava bene.
Accusa ancora un po' di dolore... ha provato a mangiare la pastina ora speriamo solo che la tenga giù.
Io sin' ora ho sentito due medici diversi che han detto che per confermare tutto ciò e vedere il tragitto dei calcoli debbano fare una risonanza,
bene... mi chiedo perché stiano rimandando a domani questo esame e alla compagna di stanza han visto i calcoli alla cistifellea dall'ecografia.
Ho una tremenda paura dell'esito e spero che la facciano alla svelta perché la paura che si tratti di qualcosa li ribalto se poi ci mettono due gg per una risonanza.
Lei pensa che se ci fosse qualcosa di grave lo avrebbero già visto? e fatto attendere cos'?
grazie in anticipo


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Io credo che se ci fosse stato qualcosa di grave l'avrebbero già visto .....

Evidentemente serve la risonanza per chiarire bene se i calcoli sono solo in colecisti o anche nel coledoco (probabile). In effetti in presenza di calcoli anche in coledoco si dovrà intervenire con l'endoscopia, ERCP, per la loro rimozione e poi successivamente si procederá alla rimozione laparoscopica della colecisti.


Cordiali saluti


[#2] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
La ringrazio Dott. Cosentino.
Oggi il primario mi ha detto che ha solo dei calcoli biliari e che non avrebbero fatto nessuna risonanza (tra l'altro in maniera molto scocciata). Dopo un paio d'ore incontro il chirurgo che lo ha visitato 'sta mattina e gli chiedo come mai e mi dice che la faranno mercoledì mattina. A mio papà non passa quel dolore se pur lieve. Mi dicono tutti così... che se fosse stata una cosa più grave l'avrebbero già visto ma ha fatto solo un'ecografia e i prelievi al mattino.
Perché non domani? Perché tenerci in ansia così? Anche lui ha paura dato che non ha mai avuto nulla. In più non possiamo chiedere perché rispondono male e per quello scrivo qui. Comunque grazie per la Sua gentilezza. Ora dobbiamo solo attendere e sperare vada tutto bene poiché anche tra di loro dicono cose diverse.
[#3] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
I miei migliori auguri. Mi aggiorni.

[#4] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Buonasera Dottore... La aggiorno sula situazione di mio padre per quello che mi dicono i medici.
Ha fatto ieri mattina la risonanza magnetica con contrasto dove hanno visto che non ha neanche i calcoli.
'Sta mattina gli hanno fatto un'altra ecografia per vedere se il calcolo si è sgretolato e diventato sabbia. Hanno trovato sabbia nella bile ma domani faranno un'altra ecografia per capire meglio. (vedono poco a causa dell'adipe e per fortuna non è obeso).
Dicono sia pancreatite.
Dalle analisi sembrerebbe vada meglio, ora sta cominciando a mangiare.
Dicono che potrebbe dipendere tutto dall'alimentazione.
Premetto che mio padre mangia meglio di me... comunque.
Mi chiedo... a distanza di ormai 6 giorni avrebbero visto se ci fosse stato qualcosa di male? Dato che sembra che neanche loro sappiano o comunque non ci danno una diagnosi definitiva e il da farsi.
Dovevano operarlo ora non lo operano più.
Non lo mandano a casa... io sarò anche ansiosa... ma vorrei alla fine devo credergli e se avessero sospetti sarebbero obbligati ad avvisarci o faccio bene ad essere diffidente? Vogliono ancora fare un paio di esami... ma in questi 5 giorni???? Io sto per avere o un attacco isterico o un infarto. Dalla risonanza e analisi del sangue avrebbero visto se ci fosse stato qualcosa di brutto e lo avrebbero già dovuto dire o no???? Secondo lei la prassi di una pancreatite è questa??? Loro rispondono sempre in maniera arrogante... Grazie.
[#5] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Dimenticavo... hanno riscontato dalla risonanza solo un piccolo edema pancreatico e il pancreas leggermente gonfio... han detto che è dovuto all'infiammazione e lo manderanno a casa solo quando sarà tutto a posto.
Dato che non è un uomo che beve molto se non in compagnia durante le feste, mangia molta frutta e verdura... da cosa può essere dipeso tutto ciò? Potrà tornare ad una vita normale o dovrà sempre mangiare in bianco e non potrà bere più un bicchiere di vino? Grazie ancora.
[#6] dopo  
Dr. Felice Cosentino
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Anche la sabbia biliare può aver determinato una pancreatite e gli accertamenti hanno escluso patologie più gravi. Credo che il problema sia in risoluzione.


[#7] dopo  
Utente 129XXX

Iscritto dal 2009
Grazie mille Dottore...