Utente 522XXX
Circa 8 anni fa ho avuto herpes al labbro inferiore che è guarito lasciando un leggero rigonfiamento a forma appunto di herpes labiale.
A suo tempo il Curante mi disse che potevo toglierlo con piccola incisione oppure tenerlo. Vorrei un Suo parere in merito e sapere se per caso rappresenta un deposito del virus. Inoltre oltre 12 anni fa sono stato punto da due zecche al polpaccio dx dove sono ancora presenti due aureole color rosso-brunastro. Anche per queste mi dicono che non è nulla ma un altro parere sarebbe molto gradito.
Cordialissimi saluti

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Dubito fortemente che possa trattarsi di un esito di Herpes labialis, che costantemente residua con "resitutio ad integrum" ovvero no nlascia segni a lungo termine:

considerando la sua età è necessario comprendere nella ricerca della diagnosi ogni patologia di quella zona: effettui la visita Dermatologica per scoprire con esattezza la diagnosi, che in buona percentuale non sarà quella che avete ipotizzato.

cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Gentile Utente il virus Herpes simplex una volta risoltosi non permane in forma evidente, pertanto il consiglio è quello di rivolgersi al Dermatologo per comprendere di che tipo di esito si stia parlando così come a livello del polpaccio destro(angiomi?dermatofibromi?)
Cari saluti
[#3] dopo  
Utente 522XXX

Iscritto dal 2007
Riguardo l'herpes labiale ricordo bene che il piccolo rigonfiamento non c'era prima ed è rimasto dopo l'herpes. La mia Curante di allora era specializzata in Dermatologia e appunto mi aveva detto che se volevo potevo toglerlo o tenerlo che era lo stesso perchè non molto evidente. Lo stesso discorso vale per gli esiti di puntura da zecche che hanno lasciato da allora due aureole con zona centrale di colorito normale e sono rimaste invariate nel tempo.
Per tutte e due le situazioni vorrei un parere, tenuto conto che le ho fatte presenti anche al mio Curante attuale e ad un mio cugino medico, avendo sempre pareri analoghi che però non mi convincono pienamente. In particolare mi interesserebbe sapere se il reperto molto verosimilmente attribuibile all'herpes può costituire o meno un serbatoio di virus e se quello dovuto alle zecche possa, anche raramente, rappresentare sintomo di complicanze poi difficilmente inquadrabili tipo malattie cosiddette rare come sclerodermia o simili.
Capisco che a volte possano sembrare preoccupazioni eccessive ma credo sia normale perchè la salute è il bene più prezioso e mi pare sia meglio un eccesso di prudenza.
Grazie per la pronta risposta ed il prezioso servizio.