Utente 374XXX
salve, vorrei porvi delle domande per dei chiarimenti sulla mia situazione.
soffro di tachicardia e battito accelerato da ormai 14 anni anche se con svariate visite da cardiologi non mi hanno mai orescritto nulla forse anche per l'età, la scorsa settimana sono di nuovo andata a fare una visita cardiologica perchè continuavo da troppo ad avere un battito a riposo tra i 100 e i 130 battiti al minuto, con episodi di attacco tachicardico che me lo mandava anche a 250 per svariati minuti, ora mi è stato prescritto del bisoprololo in compresse da 5mg, lo prendo da due giorni e ho riscontrato che il suo effetto lo fa, solo che questa notte mi è venuto un altro attacco che è durato un ora, i miei dubbi riguardano il fatto che possa non fare effetto e questa rimanga a perseguitarmi quando meno me lo aspetto o se magari deve come dire stabilizzarsi l'effetto, se così fosse mi chiedo anche quanto ci voglia perchè mi sta causando una notevole ansia.
vi ringrazio anticipatamente sperando di capire bene come funziona tutto questo, grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
deve prima accertare con un Holter ECG/24h di che natura siano le sue crisi "tachicardiche".
Se REALMENTE ha valutato 250 bpm potrebbe trattarsi di una breve crisi di TPS o di una F.A. parossisitica o di altra aritmia.

Prescrivere un beta bloccante come il bisoprololo senza prima porre la diagnosi è come fare abbassare la febbre con l'aspirina senza sapere quale sia sia la causa.

Completi l'Holter con un ECG basale e un ecocolordoppler cardiaco.

Cordiali saluti.

[#2] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
ho già fatto sia hoter che ecg e non hanno riscontrato nulla, il problema è che mi parte semplicemente anche solo quando faccio un movimento o un colpo di tosse per intenderci, parte dal nulla insomma, il problema è che va così forte da non riuscire nemmeno a muovere un muscolo e varia dai 20 minuti a un'ora intera, il cardiologo mi ha detto che è tachicardia sinusale ma non esclude quella parossistica essendo che si comporta in quel modo il cuore e me li ha prescritti.
è da quando ho 9 anni che mi è venuto il primo episodio che mi porto dietro questa cosa e soprattutto vorrei capire se questa è la cura giusta
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Cara Signora,
prima di procedere a un più approfondito studio elettrofisiologico, la invito a eseguire un nuovo Holter ECG.
Una frequenza di 250 bpm non è tipica di una tachicardia sinusale.
E il fatto che lei soffra di queste aritmie dall'età di nove anni deve indurre a porre una diagnosi definitiva.

Inoltre le rimarco fortemente di eseguire un ecolocoldoppler cardiaco anche se lo ha già fatto anni fa.

Cordiali saluti.

[#4] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
la ringrazio per i suoi consigli!! ora forse era anche l'ansia o meno ma per ora sta andando tutto bene diciamo, finalmente ho un battito già quasi normale e mi sento anche più energie mi affatico molto di meno rispetto al solito.
Volevo chiederle se e cosa si può fare nel caso provochi diarrea, perchè ce l'ho da un giorno, magari non è niente però ho letto che può causarla
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Cara Signora,
è assai improbabile che il bisoprololo da 5 mg provochi diarrea.
Nel bugiardino i farmaci provocano sempre di tutto.
Sicuramente si tratta di una forma virale.
Attenda che passi.

Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
la ringrazio nuovamente, nel caso fosse causata dalla pastiglia di bisoprololo, giusto per informazione, potrei prendere delle bustine per l'intestino per bloccarla? o qualcos'altro? e poi mi chiedevo, se fosse proprio quello, se va abbassata la dose o altro, grazie anticipatamente!
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Sono sicuro che il beta bloccante non c'entri, e che comunque se l'effetto collaterale, riportato in un range di 1:100 - 1:10 casi che annoverano anche la stipsi, la nausea, il vomito..., fosse dovuto al bisoprololo vi sarà una attenuazione progressiva fino alla scomparsa.

Se così non dovesse essere e si osservi un inequivocabile nesso di causalità, il farmaco andrebbe sospeso o cambiato il principio attivo beta litico.

Per la diarrea, può assumere -se il suo curante è d'accordo - il Racecadotril in capsule da 100 mg, piuttosto che un inibitore della peristalsi come la loperamide.

Cordiali saluti.
[#8] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
la ringrazio ancora per avermi dato tutti questi chiarimenti!!! è stato molto tranquillizzante.
mi chiedevo ancora una cosa, scusi se sono assillante, ma ho tipo notato che la mattina per esempio i battiti li ho un po' più alti ancora, anche se è passata una settimana, per avere un effetto più stabile ci può volere più tempo forse?
[#9] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Salve Signora

Le ribadisco che una aritmia con 250 bpm non è compatibile con una crisi di ansia.
E che ne va approfondita l'origine, cardiaca o extra cardiaca.

In quanto al dosaggio del bisoprololo, è bene che lo titoli il medico che lo ha prescritto, in coscienza e in scienza.
Il range di dosaggio varia da 1,25 a 20 mg/uid!


Con simpatia.

[#10] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
la ririringrazio per tutte le risposte che mi ha dato!!! ora sto notando che si è abbastanza stabilizzata la situazione, anche se i battiti variano un po' dopo una settimana vanno ancora a 70 o poco più quando sono agitata, può essere normale? perchè stavo pensando se non c'è bisogno di più tempo pure per far si che la situazione si stabilizzi
[#11] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Bene,
sono contento che la sua situazione si stia stabilizzando.

Per ulteriori dubbi si ricordi che ha un cardiologo reale e di fiducia a cui fare riferimento e che soprattutto può visitarla, differentemente da me.

Cordialità.