Utente 374XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 23 anni e ho effettuato recentemente l'ecocardiografia poiché la dottoressa di base ha riscontrato un possibile soffio al cuore. L'esito della visita è stato tutt'altro ed il cardiologo ha riscontrato: valvola aortica: insufficienza moderata, jete che supera il terzo medio del setto, vena contracta, .45mm, non stenotica; valvola mitrale: continente non stenotica; valvola tricuspide: lieve insufficienza da cui si stima PAPs 21 mmHg. Conclusione: ventricoli sinistro e destro non dilatati e non ipertrofici con normale funzione sistolica in assenza di alterazioni della cinesi segmentaria. Atri non dilatati. Vorrei sapere che precauzioni prendere e se devo preoccuparmi o meno, poiché sono giovane e poiché ho sempre fatto molto sport e mai avuto affaticamento o palpitazioni. La situazione col tempo potrebbe peggiorare e trovarmi in situazioni peggiori oppure posso stare tranquillo e fare la vita di sempre. Ringrazio in anticipo per la disponibilità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
dalla scarna descrizione del referto ecocardiografico (non sappiamo se l'insufficienza aortica sia da bicuspidia valvolare, nè la direzione del Jet aortico) emergono dati ecocardiografici di insufficienza aortica moderata (jet aortico che non supera il terzo medio del setto e "vena contracta" di 0.45mm). Non vengono descritte stenosi della valvola.
La lieve insufficienza tricuspidale, con PAPs di 21mmhg è pressocchè insignificante.

Non essendoci alterazioni della cinesi ventricolare nè ipertrofia parietale e dilatazione atriale la situazione al momento è ottimamente compensata.

E' probabile che con il tempo la situazione si deteriori e necessiti di una plastica valvolare, che specie una su valvola aortica bicuspide (sempre che lo sia) ha prognosi eccellente.

Esegua pertanto annualmente un controllo clinico ed ecografico, magari più accurato, per rilevare in tempo la necessità di un intervento terapeutico.

Un utile completamento diagnostico potrebbe essere rappresentato da uno studio in RM dell'apparato valvolare, assai meglio tollerato dell'ecocardiografia trans - esofagea.

Con simpatia.