Utente 207XXX
Buongiorno, vorrei chiederle gentilmente un parere sul problema di mio marito.
Dopo quasi due anni di tentativi alla ricerca di una gravidanza, mio marito si è sottoposto ad uno spermiogramma (normale, non centrifugato) il risultato: aspetto BIANCOLATTESCENTE, quantità 3.5 ml, viscosità aumentata, ph 8.0, conclusioni: all'esame microscopico sono presenti solo elementi immaturi.
Passato un mese e mezzo rifece l'esame+spermiocoltura (in un altro ospedale) risultato spermiogramma: aspetto NELLA NORMA, volume 4.0 ml, viscosità diminuita, liquefazione completa, leucociti < 1 milioni/ml, risultato: AZOOSPERMIA; spermiocoltura: assenza di leucociti, assenza di forme batteriche riconoscibili con certezza, ricerca di Aerobi e Miceti NEGATIVA, ureaplasma NEGATIVA, mycoplasma NEGATIVA.
A questo punto vece una visita dall'andrologo, la diagnosi fu: anni 28, altezza 1.86, peso 118kg, eos. pene normale, testicoli di struttura regolare, lievemente ridotti di volume, deferenti apprezzabili, presente varicocele sin con reflusso di 2° grado da sforzo, non riferiti minzionali ed eiaculatori. DRE.PROPOSTA SUAE AETATIS. PROPOSTI ESAMI DI SCREENING FERTILITA'.
Dalle analisi della mappa cromosomica, ricerca mutazione gene CFTR (fibrosi cistica), microdelezione regione AZF del cromosoma Y, è risultato tutto nella NORMA, in più fece FSH 11.90 (1.50-18.00), TSH 3.890 (0.400-4.200), FT4 0.99 (0.70-1.80), testosterone 2.38 (2.41-8.27), l'unico esame risultato basso fu il testosterone.
Ritorno dall'andrologo e la diagnosi dopo aver valutato gli esami richiesti fu: motivo della visita IPOGONADISMO IPOGONADOTROPO, valutati gli esami richiesti, sostanzialmente nella norma, salvo valori di testosterone lievemente inferiori, proposta terapia con SUSTANON da 250 mg 1 fiala ogni 15 giorni per 4 mesi quindi controllo spermiogramma, in alternativa PMA con TESE piu ICSI.
Dopo la cura rifece lo spermiogramma (normale) il risultato: aspetto BIANCOLATTESCENTE CON SFUMATURA GIALLASTRA, quantità 4.0 ml, viscosità diminuita, ph 8.0, conclusioni assenza di spermatozoi e rari leucociti, compatibile con sterilità.
Questo è il problema di mio marito, la quale non ci spieghiamo come sia possibile un livello di testosterone basso, adesso voleva fare di nuovo degli esami del sangue per valutare la situazione ad oggi, il medico di base gli ha prescritto questi esami: FSH, LH, TESTOSTERONE, PRL, E2, TSH, TPO Ab, ELETTROFORESI Hb, secondo lei possono andar bene?
Ps: non so se può esserle utile mio marito è anche Avisino.
Che cosa ci consiglia di fare?
Grazie mille in anticipo!!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

mi sembra che stiate perdendo tempo, in presenza di una azoospermia non ostruttiva e con un FSH mosso, fatte le valutazioni citogenetiche, come voi già avete fatto e che sono risultate nella norma, la procedura corretta da seguire prevede un prelievo degli spermatozoi dai testicoli, se possibile, e poi procedere verso una ICSI.

Se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare problema riproduttivo, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/195-azoospermia-spermatozoi.html

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille per avermi risposto così velocemente, vorrei chiederle se esiste una cura adeguata che possa guarire il problema di mio marito, oppure è un problema che non si può guarire?
Noi abbiamo preso appuntamento con il centro PMA di Zingonia, ci seguirà il Dottor Gandolfi, percaso lei lo conosce?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

come avrà letto anche nell'articolo indicatole, l'attuale procedura corretta da seguire prevede un prelievo degli spermatozoi dai testicoli, se possibile, e poi procedere verso una ICSI.

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno, ho letto l'articolo da lei indicatomi, con il problema del testosterone basso ci sono possibilità di trovare spermatozoi maturi?
Dopo il risultato dello spermiogrammi mio marito ha iniziato ad assumere delle vitamine, e abbiamo notato che iniziavano a crescescere peli nella zone dove non li ha mai avuti, l'alimentazione scorretta può influire sul problema del testosterone basso?
Lei mi può spiegare come sia possibile un livello così basso di testosterone?
Grazie.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

partiamo dall'osservazione che il testosterone di suo marito comunque si trova ancora nei limiti inferiori della norma poi, detto questo, una delle ipotesi può probabili per cercare di giustificare tale situazione ormonale, oltre all'ipogonadismo già riscontrato, potrebbe essere anche l'attuale stress cronico che il suo compagno sta, in questi mesi, vivendo a causa del grave problema riscontrato a livello del suo liquido seminale.

Ancora un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno, cosa intende per limiti inferiori nella norma? Che è detto basso ma non così basso da essere valutato grave? Quindi c'è la possibilità di trovare qualche spermatozoo buono nei testicoli....è corretto?
Ma se fosse tutto un fattore di stress (dato anche il lavoro che svolge, fa il camionista) è possibile che sia un problema temporaneo?
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

c'è troppa confusione nella sua testa e questo la porta a fare collegamenti ed ipotesi di causa azzardati e appunti confusi.

Il testosterone non scatena la produzione di spermatozoi ma al massimo ne segue la maturazione (motilità e morfologia) mentre sullo stress, ammesso che questo sia il problema di suo marito, se lui fosse meno stressato forse produrrebbe più testosterone o meglio ne consumerebbe di meno ma tutto ciò però non aumenta le possibilità di trovare o meno spermatozoi nei suoi testicoli.

Ancora un cordiale saluto.
[#8] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno, infatti nel primo spermiogramma gli hanno trovato elementi immaturi e questo ipotizzo che sia causa del testosterone...o sbaglio?
Per quanto riguarda la produzione di spermatozoi dagli esami effettuati FSH era molto buono, quindi deduco che gli spermatozoi ci siano nel testicolo.
La settimana prossima farà altri esami del sangue per capire che punto è, appena ho i risultati degli esami posso gentilmente chiederle un parere sui risultati (ovviamente la contatto su questa pagina).
Grazie ancora!
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

ci aggiorni pure ma vedo che gli aspetti ormonali e la relativa produzione di spermatozoi non è stata ben compresa.

Vista la complessità della questione clinica è bene ora che voi sentiate o risentiate in diretta sempre il vostro andrologo di riferimento.

Un cordiale saluto.
[#10] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Buonasera, perché dice che la questione non è stata ben compresa?
Il nostro andrologo l'unica frase che ha saputo dirci è stata: "non so dove sia il problema! Rivolgetevi alla PMA", ed è per questo che chiedo a lei gentilmente di spiegarmi che cos'è che non ho capito o frainteso .
Ho fatto molte ricerche sul web in merito al problema di mio marito, ho parlato con diversi andrologi e tutti che mi dicono la stessa cosa e cioè che deve dimagrire e fare attività fisica, io non credo che il problema sia solo questo.
Se lei gentilmente mi aiuta a capire le sarei molto grata.
Grazie.
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

purtroppo non ha letto attentamente l'articolo che le avevo già indicato all'inizio della nostra conversazione.

E' bene che suo marito perda peso e faccia attività fisica, già questo potrebbe aumentare il suo testosterone ma anche se questo succedesse è purtroppo l'FSH mosso a 11,90 mUI/ml che ci dice che il suo problema non è ostruttivo ma è secretivo, cioè i testicoli di suo marito non producono spermatozoi o ne producono pochissimi... problema , forse congenito, a livello dei tubuli seminiferi?

Inutile a questo punto dare ormoni, in particolare gonadotropine perché suo marito ne produce già in abbondanza nel tentativo vano di stimolare i suoi testicoli; da qui l'indicazione ricevuta, ma non ben compresa, da parte del suo andrologo, di non perdere altro tempo ma di cercare, se possibile, un recupero chirurgico di eventuali e sicuramente pochissimi spermatozoi direttamente dai testicoli (ripeto se possibile!) e poi ricorrere ad una tecnica di riproduzione assistita, in particolare alla ICSI; si legga a questo proposito, pure quest'altro articolo:

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/215/la-fecondazione-in-vitro-e-la-icsi-come-si-svolgono-e-cosa-avviene-in-laboratorio/ .

Un cordiale saluto.
[#12] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Buonasera, l'andrologo dove è in cura mio marito gli ha detto che il valore dell' FSH è perfetto e che quindi gli spermatozoi vengono prodotti dal testicolo.
Adesso se ho letto giusto lei mi sta dicendo che il valore dell 'FSH è mosso, che cosa significa?che non và bene il valore?
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Esatto!

Un FSH normale in un maschio normozoospermico difficilmente raggiunge i 4-5 mUI/ml.

Un cordiale saluto.
[#14] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Ho capito, aspetteremo gli esami del sangue per valutare la situazione attuale .
Intanto la ringrazio per la sua disponibilità.
Buona Giornata.
[#15] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, se lo desidera, ci riaggiorni.

Ancora un cordiale saluto.
[#16] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Ok, appena avrò il risultato la contatto.
Grazie mille!
[#17] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene!
[#18] dopo  
Dr. Pierfrancesco Palego
24% attività
4% attualità
16% socialità
MESTRE (VE)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2013
Gentile Utente, confermo quanto detto dal Collega Dott Beretta, un FSH a 11,8, come quello di Suo marito, è francamente alto. Basta ricordare in proposito che la terapia con urofollitropina o altri FSH ricombinanti non è effettuabile utilizzando il piano terapeutico per valori di FSH superiori ad 8 (nel senso: lo Stato non copre più le spese del farmaco per quel paziente). Il fatto che il laboratorio non lo segni con un asterisco, non vuol dire che sia normale!

Negli esami ormonali di Suo marito che Lei ha postato, il testosterone è "quasi" normale, ai limiti inferiori della norma, mentre l'unico valore realmente sballato è FSH. Come vede le conclusioni sono molto diverse dagli "asterischi" di laboratorio.

Il Dott Beretta le ha già detto correttamente tutto quello che dovete fare, io sono intervenuto solo per sottolineare questo aspetto laboratoristico, ad uso e consumo degli utenti che ci leggono: NON VALUTATE MAI SULLA BASE DEGLI ASTERISCHI, gli esami ormonali vanno fatti interpretare dal proprio specialista di riferimento. SEMPRE.

buona giornata.
[#19] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno, grazie per la sua valutazione però quello che non mi spiego è come mai l'andrologo dove era in cura mio marito gli ha detto che l'FSH era giusto e che il suo problema era il testosterone basso?
Perché se la situazione è come dice lei e il dottor Beretta qui tutto cambia, allora la cura che è stata prescritta a mio marito non andava bene e non serviva a nulla, è corretto?
[#20] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

le conclusioni finali mi sembrano evidenti ed un pò inutili da ribadire.

Altri dubbi da chiarire allora sentire sempre in diretta eventualmente un'altra "campana" che si spera abbia chiare e precise competenze in patologia della riproduzione umana.

Ancora un cordiale saluto
[#21] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Buonasera, ho ritirato i risultati degli esami del sangue di mio marito, posso gentilmente chiederle un parere sui risultati?

Per alcune prestazioni è indicata la massima VARIABILITA' ANALITICA (VA%) desunta dai dati del controllo qualità

PROTEINE E MARCATORI DI FLOGOSI
proteine totali 7.6 g/dL (6.6-8.7) V.A.= 2%
albumina (calcolata da elettroforesi) 4.47 g/dL (3.30-5.36)

ELETTROFORESI SIEROPROTEICA
albumina 58.9% ( 55.0-67.0)
alfa 1 globiline 3.5% ( 2.6-5.2)
alfa 2 globuline 8.0 (7.0-12.8)
beta 1 globuline 6.2% ( 4.5-7.4)
beta 2 globuline 6.1% ( 2.7-6.7)
gammaglobuline 17.3% ( 10.0-19.3)
commento: non si osservano significative alterazioni quali/quantitative

ENDOCRINILOGIA
TSH 3.26 mU/L (0.27-4.20)
ab-anti perossidasi <5 kU/L ( 34)
prolattina 470 mU/L ( 86-324)
LH 7.5 U/L ( 1.7-8.6)
FSH 12.3 U/L ( 1.5-12.4)
17- beta estradiolo 175.4 pmol/L ( 28-156)
testosterone 14.14 nmoL/L ( 7.53-31.40)

La ringrazio! :-)
[#22] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

si conferma il rialzo dell'FSH e quindi le considerazioni già precedentemente fatte.

Ancora un cordiale saluto.
[#23] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Buongiorno , grazie per avermi risposto, si ho notato anch' io che il valore dell' FSH è aumentato ma quale può essere la causa ?
Per il resto gli altri esami come le sembrano ?
Grazie di nuovo!
[#24] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Vi è un modesto rialzo della prolattina che potrebbe indicare che suo marito sta passando un periodo particolarmente stressato ma ora la palla passa all'andrologo reale, fatta la valutazione poi ci riaggiorni.

Ancora un cordiale saluto.
[#25] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Ok, la ringrazio è stato gentilissimo.
Le farò sapere come andrà.
Grazie e buona giornata
[#26] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene!
[#27] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Buonasera, non so se si ricorda di me volevo gentilmente chiederle un suo parere, mio marito ha eseguito ulteriori accertamenti, glieli elenco di seguito.
Nei precedenti esami ormonali era risultata la prolattina alta, abbiamo eseguito ulteriori controlli: E2, prolattina con ago a dimora, alfa fetoproteina e HCG (con metodo Lia)

-alfa 1 feto proteina 0.8 UI/mL (valore fino a 9.0),
-prolattinemia (PRL) 17.4 ng/mL ( valore 3.0-20.0)
- prolattina 2 prelievo dopo 15 min. 16.0 ng/mL (valore 3.0-20.0)
- prolattina 3 prelievo dopo 30 min. 15.0 ng/mL ( valore 3.0-20.0)
- prolattina 4 prelievo dopo 45 min. 14.8ng/mL (valore 3.0-20.0)
-17 beta estradiolo (metodo CMIA) 26 pg/mL (valore fino a 44)
- beta HCG plasmatico <1 mIU/mL (valore <=1).

ESAME COLTURALE URINE: ASSENZA DI CRESCITA BATTERICA
L.SEMINALE: ES. COLTURALE: NEGATIVO PER FLORA PATOGENA

-ESAME COLTURALE:
- RIC. UREAPLASMA UREALYTICUM NEGATIVA
-RIC. MYCOPLASMA HOMINIS NEGATIVA

SPERMIOGRAMMA ALLA CENTRIFUGA:
-volume: 3.0 ml
-aspetto: grigio opalescente
- fluidificazione: completa
- viscosità: normale
- PH: 8.3
-cellule rotonde 1.5 (<1 milione/ml)
-cellule della spermatogenesi (%) 20
- leucociti: 1.2 (<1milione/ml)

-conclusioni: dopo centrifugazione di tutto il liquido seminale si osservano rarissimi spermatozoi ( 1 ogni 40 campi di osservazione) di cui 1/2 dotati di motilità. Si rileva la presenza di numerosi leucociti.

N.B: dai recenti spermiogrammi il risultato era di azoospermia.

LA RINGRAZIO IN ANTICIPO PER IL SUO TEMPO!!!
[#28] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Che dice l'andrologo di suo marito?
[#29] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per avermi risposto, dice di rivolgersi ad un centro PMA perché lui non sa dove sia il problema e che non C'è altro da fare.
Noi ci siamo rivolti ad un centro PMA e ci hanno detto che l'unica soluzione è fare un tentativo di crioconservazione, se non funziona tentare una biobsia.
Io le chiedo se secondo lei si può capire la causa del problema e provare a curarlo.
Grazie.
[#30] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

purtroppo non ha letto nessuno degl'articoli che le avevo già indicato all'inizio della nostra conversazione.

E quindi devo ripeterle per l'ennesima volta: è "bene che suo marito perda peso e faccia qualche attività attività fisica, già questo potrebbe aumentare il suo testosterone ma, anche se questo succedesse, purtroppo l'FSH mosso a 11,90 mUI/ml ci dice che il suo problema non è ostruttivo ma è secretivo, cioè i testicoli di suo marito non producono spermatozoi o ne producono pochissimi... problema , forse congenito, a livello dei tubuli seminiferi?

Inutile a questo punto dare ormoni, in particolare gonadotropine, perché suo marito ne produce già in abbondanza; da qui l'indicazione ricevuta, ma non ben compresa, da parte del suo andrologo, di non perdere altro tempo ma di cercare, se possibile, un recupero chirurgico di eventuali e sicuramente pochissimi spermatozoi direttamente dai testicoli (ripeto se possibile!) e poi ricorrere ad una tecnica di riproduzione assistita, in particolare alla ICSI; si legga o rilegga a questo proposito, pure quest'altro articolo:

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/215/la-feco ."

Un cordiale saluto.
[#31] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Ok, ma per sapere dove sia realmente il problema che esame andrebbe eseguito?
Un problema Congenito sarebbe?
[#32] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
In alcuni casi la stessa biopsia testicolare, mirata al tentativo di recuperare eventualmente degli spermatozoi, può darci anche altre informazioni diagnostiche.

[#33] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Ma la biopsia testicolare è invasiva ? L'intervento può danneggiare l'apparato?
[#34] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Certo, come tutti gli interventi chirurgici è una manovra invasiva sicuramente.
[#35] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Volevo chiederle un altro parere, dallo spermiogramma eseguito risultano in aumento i leucociti, ci è stato detto che potrebbe esserci un infezione, cisalpina che è stata esclusa dallo spermiocultura negativo. Ma allora come mai i leucociti o globuli bianchi sono in aumento ?
[#36] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bella e complessa domanda da un milione di euro, almeno da questa postazione; anche questa ardua questione comunque l'andrologo di suo marito, se presente, sarà in grado in diretta, dopo attenta valutazione clinica di suo marito, di spiegarvi l'esatta causa di questa leucospermia.
[#37] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Ho chiesto al dottore il motivo ma non mi ha dato nessuna risposta appartenenti il fatto che non c'era un infezione presente
[#38] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Rimane a maggior ragione per noi purtroppo una "domanda da un milione di euro".
[#39] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Lo spermiocultura è un esame attendibile per sapere se si ha un infezione? Adesso nel caso di mio marito se vorremmo indagare sul infezione che esame dobbiamo fare?
[#40] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Alla prima domanda un sintetico sì ma senta sempre il suo andrologo di riferimento.
[#41] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Ok, la ringrazio per il suo tempo o
[#42] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
Mi scusi se la disturbo nuovamente, volevo sentire il parere di un altro andrologo, lei per caso ne conosce e può consigliarmene uno bravo a Bergamo o limitrofi?
Grazie.
[#43] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettrice,

sulla questione "indicarle un collega" le dico che questa non è la sede per una informazione così particolare e non di interesse generale.

Questo quesito è bene porlo, in prima battuta, al suo medico di fiducia e poi comunque, in altre sezioni del nostro sito, può sempre trovare un aiuto più mirato alla sua domanda.

Ancora un cordiale saluto.
[#44] dopo  
Utente 207XXX

Iscritto dal 2011
ok, la ringrazio lo stesso.