Utente 374XXX
Salve Dottori,
Da poco mi è stato diagnosticato il morbo di Kienbock nel polso sx. Vi scrivo per avere un vs consiglio su come affrontare questo piccolo problema. A tale proposito vi trasmetto la descrizione del referto della risonanza magnetica: Si apprezza alterata intensità dis egnala a carico del semilunare (edema midollare) con regolarità del profilo esterno dell'osso.
Il rilievo descritto appare compatibile con "osteonecrosi del semilunare".
Si segnala inoltre alterazione di intensità di segnale della base del secondo metacarpo.
Ciò che mi ha spinto a fare questo esame, è stato un dolore con perdita della forza nel polso sinistro che mi tengo da giugno 2014.
Mi è stato detto che la necrosi del semilunare ancora è in fase iniziale e potrei provare con delle lunghe (6 ore g) applicazioni di Magnetoterapia per circa 1 mese e mezzo.
Le chiedo dunque, se questa terapia potrebbe essere valida ai fini della scomparsa dei sintomi, o quale lo sia, e se dovessi operarmi potrei aspettare fino a Novembre 2015? problemi di lavoro.
Potrei utilizzare un tutore o fascia elastica? E' valida l'ossigenoterapia nella camera iperbarica?
Grazie per la vs disponibilità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

certo, tale terapia potrebbe essere molto utile.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
Ok grazie,
ovviamente si riferisce alla magnetoterapia?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Certamente, molto meglio se domiciliare, per molte ore al giorno.