Utente 375XXX
Salve, da circa ottobre ho iniziato ad avere problemi respiratori, che iniziavano verso le 2/3 del mattino. All'alba di dicembre sono diminuiti ma hanno iniziato a venirmi strani dolori al petto (appena sotto lo sterno o anche sopra verso sinistra) e alla parte sinistra del corpo superiore all'altezza delle costole. Durante la notte non sentivo questi dolori. Dopo alcune lezioni in palestra (faccio kick boxing) ho iniziato a provare dolore al braccio sinistro e i sintomi comparsi a dicembre non sono andati via. Sempre più preoccupato che si tratti di infarto, vado a fare la visita medica per l'idoneità per lo sport. I valori dell'elettrocardiogramma sotto sforzo e quello a riposo erano nella norma ma il medico mi ha detto che sono parecchio emotivo a livello cardiaco e ho scarso indice di respirazione (cosi mi hanno detto). Da quella visita ho continui dolori al braccio sinistro e a volte e come se mi mancasse il fiato, tutto ciò sempre con alcuni dolori al petto nelle stesse posizioni citate prima. Di notte non ho più nulla, a parte alcune volte che mi manca il fiato, ma poi dormo tranquillo. Adesso i sintomi coprono tutta la durata del giorno e variano d'intensita ma non sono forti e spariscono quando dormo. La novita di gennaio era una tosse e linfonodi ingrossati, che nonostante una settimana di antibiotici non va via (i linfonodi invece si sono sgonfiati). Ho 18 anni e non fumo o bevoe non una vita sedentaria. Spero mi aiutate a capire cosa io abbia. Non credo che sia infarto perché i sintomi durano poco ma credo sia il fatto che sono un ragazzo sempre in ansia (no attacchi di panico). Vi saluto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
scarso indice di respirazione, dovrebbe significare che oltre ad allenare i muscoli, deve anche imparare a respirare.

La definizione di "parecchio emotivo a livello cardiaco" non significa un bel nulla: che lei sia emotivo lo si evince da come scrive e lei stesso ne è consapevole.
Comunque se il Medico Sportivo le ha rilasciato l'ideneità, nulla osta a che lei faccia sport.


Il dolore al braccio dubito fortemente che dipenda dal cuore, il quale è il suo "tarlo": può essere una patologia muscolo tendinea tanto più che lei pratica kick boxing!
Si rivolga al Maestro e si faccia correggere la postura e il modo di allenarsi. Se ovviamente non è un autodidatta.

In quanto alla tosse, se persiste ancora, si faccia auscultare dal medico curante: può darsi che sia determinata da una irritazione delle vie aeree superiori ma senza stetofonendoscopio sul torace possiamo fare mille ipotesi.

I linfonodi costituivano verosimilmente una banale linfoadenopatia reattiva ormai rientrata.

Se vuole mi faccia sapere.

Cordiali saluti



[#2] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2015
Gentile Dottore,
La ringrazio della risposta. Quindi i miei dolori al petto che vanno e vengono non devono essere intesi come possibili sintomi di infarto ecc?

Per quanto riguarda la tosse e la respirazione, seguiro i suoi consigli.

La ringrazio.

[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
alla sua età, con lo sport che pratica e che mette principalmente in azione i muscoli delle braccia e delle spalle, lei pensa all'infarto?! Suvvia!!

Poi le ribadisco che se il medico sportivo le ha rilasciato l'idoneità avrà avuto tutti gli elementi in regola per farlo.

Sia tranquillo.

Cordiali saluti.

[#4] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2015
Salve dorttore,
mi sento più tranquillo in questi giorni e i dolori al petto e braccia sono un po' diminuiti. Se posso permettere di aggiungere una cosa, ho notato che a volte tendiamo a trasformare lo stress in un qualcosa di fisico, che varia da persona a persona. Concordo con lei sul fatto dell'infarto; se davvero ne soffro me lo avrebbero detto tempo fa e poi a 18 anni non credo ci sia da preoccuparsi.

Saluti
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Caro Signore,
vedo che si è autoconvinto.
Ne sono lieto.

Cari saluti.
[#6] dopo  
Utente 375XXX

Iscritto dal 2015
Salve,
Ho un aggiornamento. Recentemente ho scoperto che da piccolo avevo un problema cardiaco (cuore gonfio) perche sono nato settimino. Non vorrei che tutti i dolori che sento siano dovuti a una ricaduta di quel problema.
Altro di nuovo sono dei dolori che vanno e vengono per tutto il petto ma mai all'addomeme. Il braccio non fa poi poi cosi tanto male.

La saluto