Utente 187XXX
Buongiorno signori dottori.
Scrivo questa mail pur sapendo gia' a priori che voi tutti sconsigliate motivatamente la falloplastica sopratutto quella di allungamento poiche inutile.
Negli anni mi sono inuriosito e documentato per quel po che si puo trovare sul web.

Ho potuto asserire e che la questione e molto strana e controversa poiche'...
Da un lato vedo una schiera di medici che pubblicizzano e sminuiscono i rischi della falloplastica, mentre altri la maggior parte a dire in vero mette in guardia da questi dannosi interventi.


Scusate la mia ignoranza da quello che ho appreso gli inteventi per ingrossare il pene sono principalmente quattro.
-grasso
-protesi pericavernose
-matrice di derma
-ecnica chirurgica dell’incisione dell’albuginea

1 grasso problemi, grumi, riassorbimento, necrosi, infezioni,
2 protesi pericavernose necrosi,infezioni,fibrosi,
3 matrice di derma cicatrizzazioni infezioni
4 incisione albuginea. a quanto pare di aver capito sarebbe l'ideale poiche chirugicamente parlando il corpo si rigenerebbe naturalmene ma troppo invasiva e con rischio di impostenza

A questo punto il quadro della situazione e questo?
Ho ragione che vi siano determinati rischi?

Grazie spero sappiate riscondermi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

mi sembra che abbia ben compreso in soldoni quali possono essere i problemi post-chirurgici che si possono correre con questi tipi di trattamenti chirurgici.

Comunque, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare tema andrologico, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/202-misure-pene.html

Un cordiale saluto.


[#2] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la conferma delle mie fondate ipotesi sugli interventi.
Io mi trovo in una brutta situzione sessuale ho vergogna persino a penzare si mostrare il mio pene di dimenzioni molto scarse.

Ma a questo punto non vale la pena rischiare il tutto per tutto ?
SI parla di staminali di uomo su marte e non si riesce a far fronte a questo problema che per chi lo vive credetemi e peggio di avere un arto amputato.

Non ho una vita sessuale a 40 anni e sono stato anche da qualche pssicologo ma non serve a niente poiche' miracoli non ne fanno e il problema resta.

Quindi a questo punto che si fa si ci rassegna? Perche di accettare un pene piccolo non ci si riuscira mai.

Gente che sta in misure medie si fa problemi.
NOn sono capricci di avere una moto, le donne sono delle poco di nbuono quelle dei nostri tempi.
QUidi che faccio mi sparo?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
In questi casi è bene non drammatizzare mai!

Al momento non esistono purtroppo strategie terapeutiche, senza significativi effetti collaterali, capaci di risolvere questo problema delle dimensioni che ha pure infiniti risvolti psicologici; è pur vero che in alcune relazioni, spesso un pò superficiali, l'occhio vuole la sua parte ma in generale è mille volte meglio un uomo affascinante e spiritoso, che sa davvero come procurare piacere al partner e che conosce bene il suo corpo, anche se non ha un pene da elefante, piuttosto che un "elefante" che sotto le lenzuola è "impacciato" o, peggio ancora, pensa solo a se stesso.

Secondo la mia personale "visione del problema": tecnica, esperienza, sentimento e molta fantasia per una coppia valgono molto di più dei "centimetri" posseduti dal pene di un uomo.

Credo che pensare oggi ancora e solo alle dimensioni del proprio pene vuol dire essere rimasti ad alcune informazioni ricevute in prima elementare; ce n'è di strada per arrivare al liceo o all'Università!

A questo punto, se posso consigliarle un testo aggiornato e spiritoso su questo tipo di tematiche, le direi di leggersi il bel libro di Mary Roach dal titolo significativo "Godere", Einaudi editore, Torino.

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per le risposte ma sinceramente non ho voglia di leggere.
Leggere o andare da qualche psichiatra non servirebbe a nulla, nessuno qua dice che se non sei rocco siffredi non puoi avere nessuno, il fatto che esiste il superdotato il normodoato e purtroppo gente come me e forse anche peggio.

Comunque mi dica una cosa fare iniezioni di acido ialuronico di alta qualita anch esso puo dare controindicazioni?
Oppure come sicurezza li ci siamo, pur sapendo che si riassorbe, anzi sarebbe un vantaggio che nulla restasse dentro il pene.
Che mi dice?
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

ogni manovra invasiva non permette di garantirle che non ci saranno eventuali effetti collaterali e che "nulla resti dentro il pene".

Ancora un cordiale saluto
[#6] dopo  
Utente 187XXX

Iscritto dal 2011
Ho capito in pratica c'e come dire una grossa percentuale di possibilita in cui si verifichino effetti collaterali.
Neanche l'aciso ialuronico e sicuro allora
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Esatto.