Utente 376XXX
Gentili Dottori, mi rivolgo a voi per avere un consulto relativamente ad un problema di poliuria.

Da circa 6 mesi accuso poliuria. Preciso non si tratta di pollachiuria in quanto unitamente ad un aumento del numero di minzioni presento anche un cospicuo aumento della quantita' prodotta. Ad esempio, ultimo episodio nell'arco di 2 ore 5 minzioni con una produzione totale di 1400 ml.
La sintomatologia non e' (per fortuna) costante ma alterna giornate di relativa calma (4-6 minzioni per un totale di circa 1200-1600 ml) a giornate in cui la frequenza e’ aumentate (fino a 14 volte) e la quantita’ puo’ superare i 3 litri/giorno.

Dopo un primo consulto con il medico di base sono stato indirizzato verso esami del sangue e delle urine con i seguenti risultati (oltre ad emocromo nella norma):
VELOCITA' DI ERITROSEDIMENTAZIONE I ora 11 mm/h
S-GLUCOSIO 86 mg/dL
EMOGLOBINA GLICOSILATA (Hba1c) (Met.HPLC - Standardizzazione IFCC-GLAD) 36,0 mmol/mol
S-UREA 31 mg/dL
eGFR 125 mL/min/1,73m
S-CREATININA (Met. enzimatico) 0,72 mg/dL
S-ACIDO URICO 3,7 mg/dL
S-AST ( GOT ) 24 U/L
S-ALT ( GPT ) 27 U/L
S-GAMMA-GT 29 U/L
S-TRIGLICERIDI 61 mg/dL
S-COLESTEROLO * 209 mg/dL
S-HDL-COLESTEROLO 82 mg/dL

ESAME URINE COMPLETO:
pH 5,5
Esterasi leucocitaria assente
Proteine 0 mg/dL
Glucosio 0 mg/dL
Chetoni 0,0 mg/dL
Urobilinogeno 0,2 mg/dL
Bilirubina 0,0 mg/dL
Emoglobina 0,00 mg/dL
Peso Specifico 1010
ESAME CITOFLUORIMETRICO (DETERMINAZIONI QUANTITATIVE)
Eritrociti 0 elem/mcL
Leucociti 1 elem/mcL
Cristalli 0 elem/mcL
Esame colturale: Nessuno sviluppo

A seguito di questa indagine il medico di base mi ha indirizzato da un urologo e consigliato una ecografia dell’addome inferiore con responso nella norma.

L’urologo, presa visione degli esami ha escluso cause “periferiche” e mi ha indirizzato verso ulteriori esami del sangue:
P-OSMOLALITA’ 290 mOsm/Kg
P-SODIO 143 mEq/L
P-POTASSIO 4,19 mEq/l
P-CALCIO TOTALE 10,1 mg/dl

A seguito di questi nuovi risultati sono stato indirizzato da un endocrinologo con un sospetto diabete insipido che ha prescritto i seguenti esami del sangue:
ORMONE FOLLICOLO STIMOLANTE (FSH) (Met.CLIA - Dxi Beckman) 3 UI/L
ORMONE LUTEINIZZANTE (LH) (Met.CLIA - Dxi Beckman) 2 UI/L
PROLATTINA (PRL) (Met.CLIA - Dxi Bekman) 6 mcg/L
S-CORTISOLO ORE 8 (Met.CLIA - Dxi Beckman) 12,6 mcg/dL
S-IGF 1 (Somatomedina C) Metodo CLIA (LIAISON) 156 mcg/L

Scartata la possibilita’ di un diabete insipido centrale sono stato indirizzato da un nefrologo che ha richiesto i seguenti esami (che non ho ancora avuto modo di eseguire):
Renina, Aldosterone (U e S), Angiotensina II, Potassiuria 24 ore, Natriuria 24 ore

Conscio del fatto che non e' possibile, ne auspicabile, ricevere diagnosi "in remoto" chiedo verso quale specialista dovrei essere indirizzato o "re"-indirizzato per approfondire giustamente questa sintomatologia.
Ringrazio per la vostra gentile collaborazione.
[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
lei non ci fornisce un elemento di giudizio molto banale, ma essenziale, ovvero quale sia la quantità di liquidi che lei introduce abitualmente e di che tipo.
D'ogni modo, escluse le cause urologiche ed endocrinologiche, la competenza è certamente nefrologica. Siamo certi che il nostro Collega le potrà definire la ituazione, una volta che siporrà degli ulteriori accertanmenti che le ha richiesto.

Saluti
[#2] dopo  
Utente 376XXX

Iscritto dal 2015
Ringrazio per la sua celere risposta.
Aggiungo quindi che non sento generalmente lo stimolo della sete (a parte del latte a colazione non ingerisco normalmente liquidi durante la giornata ne durante i pasti), che nella mia dieta sono presenti frutta e verdura ad ogni pasto (colazione con frutta, pranzo con verdura, spuntino pomeridiano frutta e cena con verdura e frutta), che non utilizzo sale (se non quello naturalmente presente negli alimenti poiche’ non ne percepisco il sapore), faccio un consumo moderato di caffe (un espresso a colazione) e alcool (un paio di bicchieri di vino o una birra a cena durante i weekend) e sono un fumatore saltuario (2-3 sigarette quando capita di uscire durante i weekend). Pratico attivita’ sportiva 3-4 volte a settimana (corsa).
L'aumento della diuresi non sembra essere collegato alla quantita' di liquidi assunti, tant'e' che talvolta dopo episodi prolungati di aumentata diuresi il mio peso puo' diminuire anche di 1,5kg.
Per sommarizzare l'assunzione di liquidi si compone di 1/3 di litro di latte e 1 mela a colazione , 2 porzioni di verdure durante i pasti principali (attorno ai 300 grammi per porzione), e altre 2 porzioni di frutta (ad esempio 1 banana, o 2 kiwi per porzione), piu' l'acqua naturalmente disciolta negli altri cibi (pasta, pane, carne, pesce, legumi, formaggi, seguo una dieta varia senza escludere nessuna categoria alimentare).

Ringrazio nuovamente per la disponibilità.
Cordialmente.
[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Dunque una perdita renale di sodio potrebbe essere una delle possibili cause. Come le abbiamo detto, il suo nefrologo di riferimento potrà meglio definire solo disponendo degli accertamenti. Per ora è inutile arrampicarsi ulteriormente tra le ipotesi.
[#4] dopo  
Utente 376XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno,
Eseguite le ultime analisi richieste con risultati nei range di normalita' i medici che mi hanno visitato non ritengono utile proseguire con ulteriori indagini.
La sintomatologia pero' persiste.

dU-Sodio 90,5 mEq/24h
dU-Potassio 112,0
dU-Aldosterone 5,9 mcg/24h

Renina (ortostatismo) 34,8 mU/L
Aldosterone (ortostatismo) 162 ng/L

Chiedo cortesemente verso quale specialista dovrei provare a reindirizzarmi nuovamente per provare a ottenere nuove indicazioni.

Ringrazio nuovamente per la disponibilità.
Cordialmente.
[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il disturbo è a cavallo tra le competenze nefrologiche e quelle endocrinologiche. Immaginiamo che qualche Collega potrebbe proporre di valutare la risposta ad una terapia con vasopresina (ormone antidiuretico), catalogando la manifestazione come "idiopatica", ovvero "senza causa apparente". Tutto ciò però va al di là del campo di interesse urologico.