Utente 285XXX
Buongiorno,ho 41 anni,dal 2005 sono affetto da prostatite cronica ed ho una piccola cisti dell'epididimo testicolo destro,premetto che sono regolarmente seguito da un urologo periodicamente,l'ultima visita urologica risale al 18/03/2015,esami ematici completi tutto nella norma,psa 1,38 <fino a 4.00,solo il colesterolo totale e' ai limiti 211 fino a 200,urinocoltura e antibiogramma tutto nella norma.
Detto questo,da un po' di tempo a questa parte,soffro di deficit erettile e di eiaculazione precoce,ne ho parlato con il curante (urologo) il quale mi ha detto che probabilmente si tratta di ansia da prestazione,infatti il problema,non sussiste ad ogni rapporto sessuale,ci sono periodi nei quali,non ho alcun tipo di deficit e le relative prestazioni sono "ottime",pero' ad esempio dopo qualche giorno,il problema si ripresenta,addirittura ho riscontrato una bassa erezione con conseguente eiaculazione precoce protratta nella medesima circostanza durante l'intimita'.
Non riesco a venirne fuori,non capisco l'alternanza di questo problema,addirittura normalmente avviene l'erezione poi mentre sto' indossando il preservativo,di colpo perdo l'erezione,dopo di che non avviene spontaneamente mentre eiaculo subito.
Potrebbe essere un problema "psicologico" oppure la stessa prostatite mi da' tale problema?
P.s l'urologo mi ha prescritto l'antibiotico per 10 gg in quanto il liquido seminale,si presenta talvolta a "grumi"

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,a questo punto,credo che un approfondimento diagnostico che prenda in considerazione anche l'aspetto vascolare ed ormonale dell'eccitazione sessuale maschile sia ineludibile,anche al fine di quantizzare gli inevitabili riverberi psicologici che caratterizzano la mancata padronanza della funzione erettile.Il disagio che si verifica indossando il profilattico,certo non aiuta a migliorare il quadro clinico... Cordialità.
[#2] dopo  


dal 2015
Gentilissimo Dr Izzo grazie per la risposta,se ho ben capito il problema potrebbe essere riconducibile ad un'aspetto "vascolare ed ormonale",volevo precisare un dettaglio se cosi posso dire,a volte mi capita di avere "paura di fallire" prima del rapporto sessuale,quindi ho dedotto l'eventuale componente "psicologica",oppure avrei pensato ad un calo del desiderio sessuale.
Il fatto sta che il problema si alterna a periodi "ottimi" piuttosto che a periodi di deficit.
[#3] dopo  


dal 2015
P.s inoltre Dottor Izzo,ho notato anche una tachicardia e tremore muscolare durante l'intimita' sessuale,ecco perche' ho sottolineato l'eventuale "componente psicologica" la cosiddetta ansia da prestazione......
Ripeto alterno fasi "si" e fasi "no"------seguono analisi del sangue:
Azotemia: 29 da 20 a 50
Glicemia:93 da 50 a 110
Creatinina:0,92 da 0,60 a 1,20
Colesterolo totale: 211 da 120 a 210
Trigliceridi:88 da 70 a 170
HDL colesterolo: 46,9 border line 35-55
LDL colesterolo:147,1 boredr line 130-160
GOT/AST transaminasi:27 fino a 41
GPT/AST transaminasi:32 fino a 41
Bilirubina totale:1,02 fino a 1.00
Bilirubina diretta:0,20 fino a 0,25
Bilirubina indiretta 0,82 fino a 0,75
Psa 1,38 < 4,00
Per quanto concerne gli altri valori,il curante non ha ravvisato scompensi,anche per gli esami delle urine.
[#4] dopo  


dal 2015
Ho effettuato questo test on line.http://www.francescomontorsi.it/pages/questionari/IIEF.htm
Risultato del test: Disfunzione erettile lieve.
[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non ho detto che vi possa essere una causa vascolare o ormonale.Ho detto che,come e' ovvio per uno specialista in andrologia dedicato,la diagnosi deve essere completa e non limitata al solo aspetto prostatico.Quanto al test telematico...lasci perdere.Cordialita'
[#6] dopo  


dal 2015
Gentile Dott.Izzo la ringrazio per il consiglio,mi scuso con lei per aver frainteso inizialmente,ad ogni modo mi rivolgero' dal curante per approfondire l'eventuale protrarsi del problema da me esposto. Cordialità.