Utente 376XXX
Buongiorno, dall'altro ieri notte ho iniziato ad avere tachicardia che perdura ancora oggi. Non è molto forte, ma costante,mi impedisce di concentrarmi bene.
Ho avuto due episodi sempre di sera tardi, due episodi nell'arco di 2 o 3 mesi, in cui la tachicardia era molto forte e avevo quasi una sensazione di svenire, mi girava la testa, vista annebbiata, tutto questo per 4 o 5 minuti (questi episodi sono avvenuti tra gennaio e febbraio.)
Non ho appetito da due giorni nonostante riesca ad alzarmi, camminare, uscire, mi sento un po' debole nel senso che sento il bisogno di stare seduta o a lettto. Il battito stamattina era sui 90-95 e la notte riesco a dormire, ma appena mi sveglio ricomincia. Sono una persona tranquilla, sportiva, vivo all'estero e tutto questo mi sta preoccupando, non ho mai avuto problemi di salute fino adesso. La scorsa settimana ho avuto un herpes labiale, sparito come al solito normalmente con aciclovir. Ho perso diversi kg quest'anno, non riesco a capire se sia dovuto ad un fatto psicologico e se abbia davvero qualche problema. Ad esempio ora mentre scrivo, sono lucidissima e il battito sembra quasi normale, pero' riesco comunque a "sentirlo" nel mio torace.
Spero di aver definito abbastanza la mia situazione, spero che possiate aiutarmi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signora,
capisce bene come porre una diagnosi a distanza via web sia impossibile se non si fa controllare da un medico non virtuale.

Liquidarla dicendole che lei è ansiosa, anche se asserisce il contrario, non sarebbe corretto, tanto più che dice di aver perduto diversi Kg quest'anno, presumo senza fare alcuna dieta.
Potrebbe essere che Ella abbia un distiroidismo o una anemia: tutte queste sono cause che vanno ricercate per essere confermate od escluse. Potrebbe essere che conduca una vita molto stressante ma io questo non posso saperlo.

Si rivolga quindi ad un medico che le effettui una visita clinica e le prescriva le indagini che riterrà necessarie.
In quanto alla tachicardia, se effettivamente continui a persistere a frequenza elevata, si rechi presso un PS per un tracciato ECG basale così da verificarne le caratteristiche.

Se vuole mi faccia sapere.

Cordiali saluti.


[#2] dopo  
Utente 376XXX

Iscritto dal 2015
Ho potuto constatare che la mia non è tachicardia bensì cardiopalmo, i battiti sono sui 90, ma riesco a "sentirlo."