Utente 281XXX
Medici Buonasera.
è possibile che dopo uno sforzo intenso domenica in una gara di bici mtb
a distanza di 2 giorni ho delle extrasistole?

In gara avrò avuto per 70 km un ritmo medio di 170-180 bpm (3 ore e poco più)
tra l'altro ho fatto uso di barrette energetiche, e peso 95 kg per 174 cm.

Da domenica mi son rimesso oggi in bici per fare un po di scarico acido lattico e ho fatto un oretta a 120-130 bpm e appena sono arrivato son cominciate le extrasistile , pressione bassissima 110-40 misurata 5-6 volte sempre simile 110-45 , 115-40.
ho anche molta fiacca, e stitichezza, è come se avessi delle feci molto arretrate nell'intestino , con stimolo ma non riesco spesso a defecare, faccio anche molta aria.
Di mio per il momento mollo allenamenti e bici, mi riposo e mollo tutte ste barrette regolando l'alimentazione.
Ma se persistono cosa potrei fare? e può dipendere tutto da quell'enorme sforzo in gara?
grazie per aver letto.
Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Buonasera Signore,
se lei vuole rischiare l'infarto o la morte improvvisa ha scelto la strada migliore.
Con un BMI di 41 sottopone allegramente il suo cuore ad una gara di MTB!
Ha mantenuto un ritmo di 170 - 180 bpm per tre ore, che non fa bene al cuore più sano, e poi si spaventa delle EXS e della stitichezza?
E' un miracolo che non sia stramazzato al suolo durante la corsa.

Le consiglio di essere assai più prudente e di valutare lo stato del suo cuore che si porta appresso 120 Kg normalmente ogni giorno, e poi si deve fare carico anche della gara in mtb!

E' urgente che lei esegua, a mio parere, un Ecocardiogramma color doppler, una prova da sforzo e un Holter ECG/24h, più la valutazione ematochimica dei fattori di rischio cardiovascolari (trigliceridi, colesterolo e quant'altro).
E' urgente che si metta a dieta con l'aiuto di un MEDICO NUTRIZIONISTA - e non di un biologo improvvisatosi dietologo - e che dimagrisca ASSOLUTAMENTE. Anche considerando opzioni chirurgiche come il bendaggio gastrico.
Diversamente rischia davvero la vita.
E io come Medico ho il DOVERE di avvisarla.
Lei come Paziente di fare come crede.
L'attività fisica che può fare lei consiste in tranquille passeggiate senza ulteriormente stressare un cuore che si porta costantemente un sacco di 40Kg sulle spalle. Ogni giorno.

Cordiali saluti.

[#2] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
Gentile medico Grazie per la risposta.
Allora vorrei dirle che forse cè un piccolo frainteso.
io peso poco meno di 95 kg. quando mi iscrissi anni fa a questo sito pesavo 120,
ma in 2 anni di ciclismo ho perso quasi 30 kg e sto in discesa libera.
Infatti se vede il mio messaggio di consulto dico che peso 95 kg.. e sono alto circa 172-173 ...(di preciso non so ma più di 170) [Colpa mia che non avevo aggiornato il mio profilo]
Ma in ogni caso sono comunque in sovrappeso, e devo quindi perdere peso come dice lei...
intanto ho preso già oggi impegno e giovedì faro un holter per scrupolo (anche se quella sensazione di extrasistole mi è sparita)

Ciò che voglio dire è che prima di forzare così in una gara ho utilizzato 2 anni della mia vita a fare allenamenti mirati per perdere peso e per allenare muscoli e cuore,
Seguendo una tabella di allenamento adeguata al mio peso seguendo degli step cardiaci mese dopo mese fino ad ottenere un allenamento agonistico anche se in sovrappeso.

io ho un cardiofrequenzimetro da dove posso regolarmi e le uscite che faccio (circa 3 a settimana) alternando riposo e giorni di scarico non superano i 150 battiti di media...
NON VOLEVO SCRIVERE QUESTO PAPIRO per essere più breve possibile... comunque in gara ho avuto picchi di 180 battiti ma sono stato anche diverso tempo a 140, 130 tipo nelle discese...ma poi ho tenuto comunque battiti alti anche perchè ho un fiato pazzesco e stavo benissimo in gara non me ne accorgevo neanche...

Ora sinceramente mi ha parlato di morte improvvisa e infarto e mi sono un po spaventato.. spero che tutto questo allenamento non mi porta a morire...

è vero devo perdere ancora peso ma rischio davvero così tanto anche allenato?
Tra l'altro ci sono molti della mia stazza che di danno addirittura un distacco di 10 minuti.. cioè rischiano tutti di morire?
Mi scuso per l'equivoco del primo messaggio spero di essere stato più chiaro qui. un saluto.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
lei è comunque in forte sovrappeso, anche se sono lieto di apprendere che i dati all'inizio riportati nel suo profilo non erano quelli corretti.
La situazione tuttavia non cambia: prima di fare un allenamento intenso come il suo, ai limiti della attività agonistica, e dopo aver portato per anni quel peso, lei deve fare o una visita presso un medico sportivo o un Ecocolordoppler cardiaco, una prova da sforzo, e un Holter ECG. Se ha fatto una di queste cose OK!
Diversamente i rischi di infarto cardiaco e di morte improvvisa rimangono immutati.
Ha già rischiato grosso in tutti questi anni: vuole continuare a rischiare? La vita è sua!
Che significa che lei è allenato? Che magari ha un setto IV di 16 cm? Come fa a saperlo se, da quello che dice non ha mai fatto un ecocuore?

Quelli della sua stazza che hanno un distacco di 10 minuti, sono persone che non hanno la minima cognizione del rischio cardiovascolare. Problemi loro.

Io i consigli li ho dati nel suo interesse: poi lei faccia pure come crede.

Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Medico, forse non sarò stato chiaro io per la voglia di fare un consulto più breve possibile in modo da non tormentare voi medici :)
Ma non potrei gareggiare in nessuna competizione se prima non ricevo una idonietà agonistica, per partecipare ad alcune di queste gare (io circa 4 - 5 all'anno)
ho fatto la visita medico sportiva con test da sforzo su cicloergometro , visita pneumologica ecc.
ovviamente anche dal medico che mi ha lasciato l'idonietà mi ha detto che comunque devo perdere immediatamente peso, infatti non mi ha fatto idoneo per un anno ma solo per qualche mese, e per gare di escursionisti.

La domanda era: è possibile che in una gara avrò fatto magari troppo di testa mia lasciandomi trasportare dal fatto che ero allenato e che potevo piazzarmi bene ho sforzato tenendo una media molto alta e per colpa di questo ho avuto quelli strani sintmi? che tra l'altro oggi non ho più.

la prossima gara è il 3 maggio fino ad allora farò uscite alternando passeggiate a 120 bpm e salite non superando i 150. in gara darò i 170 "OGNI TANTO" è rischiosissimo?.. le tabelle di allenamento degli atleti important sono esasperate

comincio a credere che la maggior parte dei ciclisti rischia di morire perchè portano il cuore a livelli estremi...
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
se lei avesse specificato di avere consultato il medico sportivo e fatto gli accertamenti previsti, avrebbe reso il consulto meno intrinsecamente polemico e assai più snello.
C'è un Medico che si è assunto la responsabilità di fornirle il placet per la sua attività.

Non ho capito se adesso è idoneo o la sua idoneità è sospesa per qualche mese.

Torno a dirle che, tanto più in sovrappeso o meglio in obesità lieve, portare il motore a 170 giri al minuto, non è salutare. Non lo sarebbe neanche per il cuore più sano e il fisico più in forma!
Perchè per arrivare a quella frequenza significa che il suo miocardio, e il suo organismo nel complesso, vengono sottoposti a uno stress notevole, con immissione in circolo di una quantità di catecolamine abnormemente elevata. Che stimola la contrazione del cuore, ma ne aumenta anche notevolmente l'eccitabilità elettrica.....

Le tabelle di allenamento le lasci perdere: gli atleti sono considerati alla stregua di cavalli da corsa perchè devono rendere alla società che li ingaggia.

Spero che tra gli esami abbia fatto un ecocardiogramma color doppler, per valutare spessori parietali e diametri camerali.

Se vuole mi può aggiornare.

Cordiali saluti.






[#6] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
gentile medico la ringrazio.
mi ha fatto riflettere quando ha parlato dei ciclisti come cavalli da corsa... è vero è tutto un business.

Domani io comunque farò l'holter già prenotato ieri,
e poi un altro test da sforzo con il cardiologo di famiglia...
nel frattempo penso proprio che con le belle giornate che arrivano farò uscite senza sforzare il mio cuore mirando al dimagrimento...
Sarò Lieto di aggiornarla nei prossimi giorni.
Ancora Grazie,
Cordiali saluti.
[#7] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Di nulla, ho fatto solo il Medico.
Carissimi saluti a Lei.
V.C.
[#8] dopo  
Utente 281XXX

Iscritto dal 2012
Gentile Medico buongiorno.
Ho eseguito un holter dal cardiologo di famiglia ed è risultato negativo:

frequenza media 73, giorno 80, notte 56.
Fc max 115 ore 15:46
Fc min 39 ore 04:58

nel referto ci sono altri codici e numeri che purtroppo non riesco a capire sono molti e non ci capisco molto... ma preferisco dirvi le parole del medico.

Oltre a dirmi che ho avuto Pochissime extrasistole mi ha detto un numero penso abbia detto una cinquantina sopraventricolari , e mi diceva che ho un cuore perfetto,
Rispetto a molte altre visite dice che sono andato di lusso, abbiamo fatto un altro ecg sottosforzo sul ciclo ed è risultato negativo con cuore molto allenato.

Lui sostiene addirittura che la mia è una forma di Sovrallenamento, e che anche se sto perdendo peso in caduta libera (oggi 92) devo rallentare con le uscite in bici
perchè in 3 anni mi sono allenato troppo pensando di essere un professionista.. mi ha detto che avrei dovuto seguire gli step e le tabelle dopo aver perso tutto il peso in più.

ma comunque rimane il fatto che sto bene e che devo solo mollare un po e fare uscite di scarico non superando i 130 bpm per perdere grassi.
(seguiro il suo consiglio)

Ho un battito lentissimo appunto perchè ormai ho abituato il cuore a grandi sforzi e di conseguenza ho pressione bassa e battiti in media molto bassi.

Mi ha persino detto che dovrei rivolgermi anche ad un pneumologo perchè sostiene che il fastidioso sintomo al petto accompagnato da wxtrasistole o da alcuni casi di respiro corto sono dovuti al fatto che in bici non si allena solo il cuore ma anche il sistema respiratorio.. cioè mi ha fatto capire che in 3 anni di allenamenti mirati ho fatto così tanto fiato che quando sono a riposo spesso modifico il respiro quasi dimenticandomi di di farlo normalmente incanalando poca aria e il mio organismo mi fa capire che devo respirare... non c'ho capito molto ma mi ha detto che per un atleta medio è normalissimo, figuriamoci io che mi porto la zavorra grassa.

in ogni caso farò come dice il medico e mollerò un po... ma potrebbe essere tutto plausibile?
sarà questo sovrallenamento?
Forse ho fatto tutto questo macello per nulla?

Grazie per la sua attenzione.
Saluti.