Utente 316XXX
Gentili dottori,
sono un ragazzo di 20 anni e da circa un mese avverto leggeri fastidi nella zona inguinale dx, dove all'età di circa sei anni mi sono operato di ernia inguinale.
Ho fatto un ecografia e il referto recita " L'esame della regione inguinale dx non ha evidenziato processi espansivi. Strutture linfonodali a dx dal diametro medio di 10-11 mm a struttura linfonodale conservativa. Spessore ed ecogenicità cutanea nei limiti della norma."

Al diagnosta ho già detto che ho preso per circa 15gg Flogeril complesse,ma senza nessun esito positivo. Ha detto di ripresentarmi tra una ventina di giorni..secondo voi di cosa si tratta?

Grazie a chiunque voglia rispondermi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
la regione inguinocrurale è sede di rradiazione di sintomatologie di diversa origine: urogenitale, muscoloscheletrica, radicolonevritica, vascolare, ecc.
L'ecografia in genere amplifica l'esistenza e levdimensioni di formazioni erniarie.
Per una definizione diagnostica occorre una visita accurata volta a cogliere segni e sintomi delle diverse possibilità.
[#2] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottore,
la ringrazio per la celere risposta.

Quindi Lei non si sente di escludere niente, nemmeno la possibilità di un'ernia?



Cordialità.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
La diagnosi di ernia di basa esclusivamente sul rilievo clinico (visita).
L'ecografia è spesso inattendibile, anche se tende a falsare i rilevi per lo più per eccesso.
Le altre possibilità che Le ho indicato vanno considerate e vagliate nel corso della visita.
[#4] dopo  
Utente 316XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottore,

il diagnosta,che ho poi scoperto essere specialista in chirurgia, mi ha praticato un esame clinico,non rilevando nulla di anomalo.

Crede che debba approfondire? A chi dovrei rivolgermi?

La ringrazio, cordialità