Utente 247XXX
Buona sera. Dopo varie visite cardiologiche , per circa 1 anno ho assunto congescor da 1,25 ( il medico mi consigliava il 2,5) .Martedì scorso sono andato da un altro cardiologo ed ho eseguito un ecodoppler e visita cardiologica. Tutto ok tanto che il cardiologo mi ha detto di eliminare la pillola e di prendere solo una per il reflusso gastro esofageo .Da tre giorni sto monitorando la pressione che si è alzata di nuovo vado sui 150/90 con 65 pulsazioni in media, ho mal di testa ed avverto un leggero formicolio alle labbra (già lo avvertivo da qualche mese ).Il cardiologo (l'ultimo) mi ha detto che sono ancora giovane per prendere un betabloccante che può incidere anche sulla mia sfera sessuale.Considerando che con mia moglie stiamo provando ad avere un figlio, che mi consigliate di fare: Prendo un'altra pillola che non incida assolutamente sulla sfera sessuale ( quale ? ),o continuo a monitorare la pressione che magari si stabilizza tra qualche giorno. ? I fitoterapaci possono migliorare la mia pressione arteriosa?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
frasi come quella detta dal cardiologo
-è ancora giovane per prendere un betabloccante che può incidere anche sulla sfera sessuale-
sono di una stupidità ai limiti dell'ignoranza!
Se c'è una ipertensione va curata a qualunque età, con il farmaco più opportuno dato che ve ne è una pletora tra cui scegliere.
Altro tabù da sfatare è l'associazione tra Beta bloccante, da lei assunto a dosi estremamente basse, e la incapacità di mantenere l'erezione: se non ha mai avuto questo problema non vedo perchè si debba presentare adesso.
Presumo che il precedente cardiologo abbia valutato una ipersimpaticotonia per la terapia della quale il beta litico può apportare numerosi benefici, anche in termini di "cenestesi".
La dose di bisoprololo di 1,25mg è quella con cui si inizia il trattamento dello scompenso cardiaco: è dunque davvero bassa, considerando che deve essere somministrata ad un cuore che ha problemi di contrazione differentemente dal suo che si contrae senza problemi. Nell'ipetensione il bisoprololo medesimo può essere somministrato alla dose di 5mg fino a 10mg senza problemi. Se necessario.

Il risultato qual'è: che grazie a questo luminare lei si ritrova con una P.A. di 150/90 che non le giova, tutt'altro.

Faccia un Holter pressorio/24 ore e valuti se davvero è iperteso e quanto: in tal caso nonostante sia giovane deve assumere la terapia: si potrà eventualmente cambiare il farmaco ma non aspettare di trattarla a 50 anni quando avrà provocato danni agli occhi, ai reni e al cuore e al circolo cerebrale.

Cari saluti.