Utente 376XXX
Gentili Dottori,
mia zia di 74 anni, BPCO, si sottopone il 23.03.2015 a trombectomia polmonare in CEC in ipotermia con intervento della durata di 6 ore circa.
Allo svezzamento alla anestesia compare agitazione e viene sedata. La TAC in terza giornata è negativa. Appena tolgono i farmaci apre gli occhi sentendo il suo nome ma si agita.
Questa situazione angosciantissima non è supportata da alcuna spiegazione dei medici, verosimilmente per prudenza.

Cosa aspettarci? E' un caso raro? andrebbe effettuata una risonanza dell'encefalo?

Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Buon giorno, le manifestazioni di disorientamento /agitazione dopo grandi interventi, ma non solo, non sono affatto rare
Colpiscono più frequentemente gli anziani, ma può accadere anche a chi anziano non è. Non necessariamente sono limitate al postoperatorio, ma possono verificarsi anche dopo una degenza ospedaliera lunga specie in Rianimazione.
In assenza di danno cerebrale, come sembra nel vostro caso, le cause vanno ricercate nel "trauma" dell'evento globalmente inteso, compreso l'allontanamento dal proprio ambiente abituale, ed anche i farmaci concorrono a ciò.
Nel vostro caso non ho ben compreso se la zia sia intubata ancora ( lei ci parla di una BPCO), e/o respiri autonomamente. Se è ancora intubata, al risveglio avverte fastidio, non può parlare e tutto ciò concorre alla agitazione. In assenza di lesioni cerebrali ed in presenza di un decorso clinico favorevole, questo problema tende a risolversi in un tempo variabile e non quantizzabile ad oggi.
Spero di essere stata chiara, saluti.
Per completezza le invio il sottostante link:

http://www.medicitalia.it/news/anestesia-e-rianimazione/4289-disturbi-cognitivi-anestesia.html
[#2] dopo  
Utente 376XXX

Iscritto dal 2015
Gentilissima Dottoressa,
grazie mille per la risposta!

Oggi è stata ripetuta la TAc encefalo, è negativa. La paziente è intubata al momento. Apre gli occhi ma il medico della rianimazione mi ha detto che è "difficile da contattare" quindi vi è compromissione della coscienza immagino.

siamo al giorno 7 dalla chirurgia (che avveniva lunedì scorso)

Possiamo ancora aspettarci che si riprenda?

Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Allora: per quanto riguarda lo stato di coscienza, potendo sospendere i farmaci penso di si, anche perchè l'intervento è recente.
Intravedo tuttavia una possibile anche se incerta fonte di problemi in rapporto con la BPCO di sua zia e la possibile difficoltà di ripresa di una funzionalità respiratoria valida e sufficiente, requisito questo indispensabile per la sospensione dei farmaci e la estubazione.
E' un discorso forse un pò complicato e se non sono stata chiara chieda ancora. Saluti.