Utente 376XXX
Buongiorno,
ho bisogno di un aiuto per una serie di problemi che ha il mio compagno di 40 anni con il quale vivo da 16 anni e con il quale ho avuto due figlie di 8 e 6 anni. Chiedo aiuto a voi perché lui è molto restio ad andare dal medico e tende a minimizzare eventuali problemi. Fin dai primi tempi ha sempre avuto erezioni che ci hanno permesso di avere rapporti soddisfacenti ma che perdevano intensità e che comunque non hanno mai portato il pene ad uno stato di completa rigidità. So da mia suocera che da neonato è stato ricoverato per molti giorni per un problema renale che poi si è risolto ma non è mai più stato seguito. Urina di rado (a volte si alza la mattina ed esce senza necessità di passare dal wc) ed a scatti. Potete darmi qualche delucidazione o consiglio? Grazie mille!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
utile sarebbe che suo marito superasse i suoi problemi di timidezza. Utile per lei e per se stesso. Serve una completa valutazione urologica ed andrologica in maniera tale da capire come sono messe le vie urinarie e l' apparato sessuale. Di qua non è possibile.
[#2] dopo  
Utente 376XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio dottore e mi posso immaginare che sia la soluzione più logica... Ma poiché non è la più semplice ed immediata, le rubo ancora qualche attimo del suo tempo per chiederle se, visti i sintomi in toto, può ipotizzare qualcosa: sarà poi mio sgradito compito far visionare la sua risposta al mio compagno per vedere se serve a fargli decidere di fare una visita specialistica. Grazie ancora!
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Ipotesi non se ne fanno. Si parla quando si è certi. E già si sbaglia così. Figuriamoci a ipotesi.