Utente 228XXX
Gentili Dottori,
cortesemente mi occorre un chiarimento:
mi moglie ha una insufficienza renale cronica riscontrata nel 2006, durante il periodo il gravidanza.
Molto probabilmente il futuro di mia moglie sarà la dialisi e forse il trapianto.
Ultimamente mia moglie ha seguito una dieta molto stringente nel senso che mangiava pochissime proteine e come carboidrati mangiava pasta e pane al mais,
verdura e frutta senza buccia, niente caffe solo te nero, comunque una dieta da incubo.....!!
I risultati ottenuti sono stati molto positivi:
- urea : da 172 mg a 90 mg;
- proteine urine : da 1171mg a 622 mg;
- proteinuria (raccolta 24h): da 2986 mg a 1244.
come si evince sono scesi tutti i valori, l'unico valore che invece e salito è la creatinina che da 3.81mg è passato a 4.03mg.
E' una falsa speranza che tutti i valori sono scesi, o effettivamente vi è un incongruenza nei valori e sarebbe opporturno rifare le analisi.
grazie in anticipo della disponibilità
Francesco
[#1] dopo  
Dr. Rita Caponetti
24% attività
0% attualità
8% socialità
GROSSETO (GR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
Si è il risultato della dieta: tutti i parametri scendono ed eccezione della creatina , che in genere non viene influenzata dal regime dietetico.
La funzione renale continuerà a ridursi, seguendo ì'andamento della malattia di base.
In compenso lo stato metabolico, soprattutto l'acidosi ed l'equilibrio calcio/ fosforo migliorano, le scorie azotate si riducono sensibilmente, consentendo ai Pazienti di arrivare alla terapia sostitutiva ( dialisi / trapianto) in migliori condizioni di nutrizione.
Infatti, al di là degli esami ematici, è opportuno controllare il peso corporeo e soprattutto il mantenimento della massa magra.
Mi spiace che la dieta venga definita "da incubo": ne riparli con il Nefrologo o il dietologo che la segue: bisogna poter arrivare ad un compromesso, che renda la dieta un'abitudine e che non interferisca nella vita quotidiana in modo "devastante". Sua moglie dovrà seguire a lungo questo tipo di alimentazione e quindi è bene che trovi tutte le possibili sostituzioni che la possano aiutare a convivere serenamente con questa patologia, che le consentano di uscire una sera con gli amici, di avere un pasto "normale" almeno una volta alla settimana ... insomma, sono piccole cose che aiutano, anche a rispettare più serenamente il regime dietetico stretto negli altri giorni!


[#2] dopo  
Utente 228XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dottoressa,
grazie mille per i suggerimenti e per la comprensione ,purtroppo sono consapevole che la dieta fa parte e fara' parte della mia vita...in questo momento mi trovo ad affrontare un percorso difficile e delicato (devo fare l'iter per il trapianto) ,la cosa mi fa paura ma è l'unico modo per cercar di migliorare la situazione...io ho 36 anni e attualmente mi trovo al quinto stadio,per evitare la dialisi devo continuare questo regime alimentare, mettercela tutta per allontanarla almeno quella!!!!.
Grazie mille per i suoi consigli, la ringrazio per la sua disponibilita'
Distinti Saluti
Serena
[#3] dopo  
Dr. Rita Caponetti
24% attività
0% attualità
8% socialità
GROSSETO (GR)
Rank MI+ 32
Iscritto dal 2008
La preparazione al trapianto è una bella motivazione!
Tanti auguri!!