Utente 658XXX
Buon giorno,
vi scrivo perchè ormai da parecchio tempo (circa 4 anni) soffro di parestesie alle mani, ultimamente in modo maggiore alla sinistra ed in particolare alle ultime due dita (mignolo ed anulare), a volte con dolore al braccio (dolore abbastanza sopportabile).
Premetto che poco più di tre anni fà venni sottoposta ad intervento di discectomia ed osteofitectomia per via antereo-laterale a livello di c5-c6 e c6-c7 con artrodesi ad ambedue i livelli.
Prima dell'intervento i dolore alle braccia ed al collo erano insopportabili addirittura mi bruciavano le gambe durante la deambulazione!!
Poco prima dell'intervento effettuai una emg-eng che riposrtava la seguente conclusione:
needle emg: valutati m.bicipite, tricipite, brachiale e deltoide sx.: a riposo silenzio elettrico; reclutamento vol max transazionale ricco con facile esauribilità al tricipite.
eng: Onda F molto dispersa soprattutto su ulnare sx
Segni di sofferenza assonale prossimale (radicolare) nei distretti esaminati di grado moderato senza segni eng di denervazione.

La prox settimana eseguirò un'altra EMG semplice. Vorrei sapere a parere Vostro se già da questi esiti si può comprender il tipo di problema. Il mio medico mi ha parlato di S. del tunnel carpale o di un problema simile al nervo ulnare. A me cade tutto dalle mani e faccio molta fatica ad eseguire lavori con piccoli oggetti, come ad esempio cucire, fare fiocchetti con i nastri ecc. A volte se cerco di fare cose particolari come cucire mi sembra che le mani si irrigidiscan e che mi vengano i "crampi". Sono molto preoccupata anche perchè di notte non riesco a dormire a causa del formicolio (pochissimo dolore).
Vi ringrazio anticipatamente e vi auguro buon lavoro.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signora,

le parestesie alle mani potrebbero dipendere sia da un problema cervicale che periferico (gomito e/o polso) o entrambe le cose.

Va fatta una diagnosi differenziale con una visita specialistica e con l'EMG.

Buon pomeriggio.
[#2] dopo  
Dr. Federico Tamborini
36% attività
16% attualità
16% socialità
VARESE (VA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

è necessario eseguire un recente esame elettromiografico/elettroneurografico per valutare, dopo l'intervento chirurgico che ha subito, eventuali ulteriori sedi di compressione nervosa delle radici nervose cervicali o del nervo mediano al polso o del nervo ulnare al gomito.

Cordialmente,
[#3] dopo  
Utente 658XXX

Iscritto dal 2008
Vi ringrazio per le celeri risposte. Domani sera effettuerò l'elettromiografia e sarà mia cura riportarvi i risultati. Le parestesie a mignolo ed anulare erano presenti subito dopo l'intervento e non sono mai regredite.
Domani vi aggiornerò.
Grazie ancora.
[#4] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
OK.
[#5] dopo  
Utente 658XXX

Iscritto dal 2008
Buona sera,
sono qui a riportarVi l'esito dell'EMG.

"Conduzione motorio-sensitiva nella norma al mediano bilateralmente, senza segni di intrappolamento al polso (STC negativa); VCM e VCS nella norma all'ulnare bilateralmente, in particolare a sinistra senza evidenti rallentamenti al polso ed al gomito.
VCM e VCS nei limiti della norma al radiale bilateralmente.
Minime anomalie neurogene nei muscoli in territorio c6-c7 a destra con reclutamento ancora nei limiti; modesti segni di sofferenza neurogena nei muscoli medio-distali dell'arto superiore sinistro (territorio c7-c8-t1), più evidenti nei muscoli più distali con lieve riduzione del reclutamento volontario; non evidenti segni di sofferenza neurogena negli altri muscoli esplorati.
Utile RMN cervicale più plessobrachiale sinistro di controllo".

Il medico con che mi ha fatto l'esame mi ha consigliato di effettuare una visita presso un neurochirurgo, cosa che mi spaventa alquanto visto l'intervento che già ho subito......
Io continuo ad avere i formicolii soprattutto notturni che partono dal gomito lungo il lato esterno del braccio fino a mignolo ed anulare; dolori ad ambedue i polsi che sono leggermete migliorati con l'assunzione della pastiglia Lyrica.....
Grazie se poteste approfondire il quadro.
Posso solo dire che speravo in qualche problema tipo STC o intrappolamento ulnare affinchè fosse tutto risolvibile facilmente ed invece come ha detto il medico che ha effettuato l'esame sorridendo ho i nervi di una ventenne(!!!).
Sono preoccupata e le mie mani sempre più "impastate"; ho 41 anni.
Grazie per un vostro prezioso parere.
[#6] dopo  
Dr. Federico Tamborini
36% attività
16% attualità
16% socialità
VARESE (VA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Direi che l'esame ha escluso neuropatie periferiche. Le consiglio anche io una Valutazione Neurochirurgica: il problema è presumibilmente a livello cervicale alle radici del plesso brachiale. Faccia comunque attenzione quando dorme a mantenere i gomiti in estensione e non flessi.

Cordialmente,
[#7] dopo  
Utente 658XXX

Iscritto dal 2008
Buon giorno,
grazie per la sua celere risposta.
A proposito dei gomiti flessi di notte....ce la metto tutta! Le dico però che solo ieri dormendo supina con le braccia semiflesse sull'addome proprio per non "schiacciare" nulla, dopo 3/4 d'ora massaggiavo già il braccio sinistro informicolato. Mi creda che è pesante anche il non poter dormire. Speriamo che tutto si possa risolvere e meno invasivamente possibile.....
E' molto apprezzabile questa Vostra volontà ad ascoltare e rispondere ai dubbi di tutti noi....oggi diventa sempre più difficile essere ascoltati.
Buona giornata.


[#8] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Mi permetto di segnalare che, purtroppo, osservo moltissimi "falsi negativi" nelle EMG eseguite dai pazienti.

Pertanto, l'esame clinico è, a mio parere, fondamentale, anche più dell'esame elettrofisiologico.

Le cito solo uno dei tanti casi: molti anni fa, ho operato una signora con chiarissima sintomatologia algo-parestesica, prevalentemente notturna, nel territorio del nervo mediano (STC).

Clinicamente, oltre che anamnesticamente, si trattava di una chiarissima STC, ma ben 4 EMG effettuate in tempi diversi e da 4 neurologi diversi (tutti degni di stima) in un arco temporale di circa 1 anno, refertavano "esame nella norma".

Solo dietro le tante insistenze della paziente (che si faceva le nottate "in bianco"), con mia riluttanza (si trattava di "andare contro" ben 4 EMG "nella norma"), accettai di operare: bene, la paziente sin da subito ha visto la completa scomparsa della algo-parestesie e ha ricominciato a dormire tranquilla.

Cosa ne conclude???
[#9] dopo  
Utente 658XXX

Iscritto dal 2008
Buon giorno!!
Ne concludo che posso avere ancora qlc speranza che sia un problema non relativo alla colonna (!??!?!)....spero.... e ne concludo che lei concorda sul fatto che l'"ascoltare" sia molto importante.
Di STC fui operata alla mano dx qualche anno fa ed a parte il fatto che tutto mi cadeva dalle mani la sintomatologia non era purtroppo la stessa; speriamo sia così anche perchè non so, per mia ignoranza, quali possano essere i problemi relativi al plesso brachiale. Da ieri sera non riesco a girare il collo verso sinistra per forti dolori e rigidità.
Grazie ancora, vi farò sapere gli esiti della rmn ma ho l'impressione che i tempi saranno parecchio lunghi.....
Buon lavoro.
[#10] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Se le parestesie riguardano mignolo e anulare, il sospetto è che si tratto di compressione del nervo ulnare (gomito, polso), non di Sindrome del Tunnel Carpale.

Va fatta (clinicamente) una diagnosi differenziale tra una compressione alta (cervicale) e periferica.

Di norma, l'interessamento di un solo territorio nervoso indica una compressione periferica, non cervicale (in questo caso, in genere, si hanno "forme miste").
[#11] dopo  
Utente 658XXX

Iscritto dal 2008
Buona sera,
sono ancora a disturbarvi perchè ho ripetuto la emg. Era già da tempo prenotata e visto che in uno dei vs consulti ho letto che vi è possibilità di falsi negativi.... ho ancora voluto sperare.
Il formicolio notturno persiste, ultimamente anche il dolore al collo..... nonostante le cp di lyrica (75 mg X 3 v/die).....
L'esito è il seguente:
valutati n.mediano ed ulnare sx: nn segni di entrapment; onda f distale molto dispersa soprattutto in territorio di n. mediano.
emg: valutati m. deltoide, bb e 1° interosseo d a sx: a riposo onde di jasper al deltoide con rare fibrillazioni, placca vivace al bb e presenza di fibrillazioni (2/5) al primo interosseo.
Segni di radicolopatia com minimi segni di acuzie in territorio c8-t1 a sx.

Cosa sono le onde di jasper e cosa significano le fibrillazioni?
A giugno effettuerò la risonanza e vi aggiornerò.
Grazie se potete darmi ulteriori spiegazioni, anche se ormai mi sembra chiaro che non possa più sperare in un problema relativo ai nervi periferici. Sono stufa di questo fastidio e questo dolore che a distanza di anni continua a tormentarmi.
Grazie ancora per la vostra disponibilità.
[#12] dopo  
Dr. Federico Tamborini
36% attività
16% attualità
16% socialità
VARESE (VA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Buongiorno,

Le ribadisco quanto detto sopra: l'esame ha escluso neuropatie periferiche. Le consiglio anche io una Valutazione Neurochirurgica: il problema è presumibilmente a livello cervicale alle radici del plesso brachiale. Faccia comunque attenzione quando dorme a mantenere i gomiti in estensione e non flessi.

Cordialmente,

Dr. Federico Tamborini
[#13] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Come già puntualizzato nei post precedenti, non deve dare agli esami strumentali un valore assoluto, ma solo relativo.

Resta imprescindibile l'esame clinico specialistico.

Gli esami vanno solo a integrare quest'ultimo.