Utente 337XXX
Buon giorno a tutti sono una ragazza di 22 anni e sono in Australia per lavoro. Lamentavo forti dolori alle orecchie e mi e' stato prescritto l'amoxicillina e l'acido clavulanico per otite media.ogni volta dopo l'assunzione sentivo dei bruciori\pizzico sulla pelle l'ho continuato per 3 giorni perche' avevo solo quel sintomo dopo di che un giorno mi sono spaventata perche' ho iniziato ad avere ansia,agitazione,con un po' di dispnea e l'ho interrotto immediatamente. Sono tornata dallo stesso dottore e mi e' stato prescritto il Cefaclor CD ma ho preso solo una compressa dopo aver letto su internet che e' sconsigliato dopo aver avuto una reazione allergica alla penicillina. Vi scrivo perche' sono un po' confusa e non so più' che fare probabilmente csmbiero' dottore vorrei sapere se rischio a prendere il Cefaclor ,dopo averlo preso mi sentivo debole e assonnata ,oppure meglio optare per un altro?. Nell'attesa vi porgo i miei piu' sinceri auguri di pasqua.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Francesco Menzella
28% attività
4% attualità
8% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2014
L'amoxicillina è tra i farmaci più frequentemente responsabili di reazioni allergiche ma è importante una diagnosi specialistica corretta. La cross-reattivita' con le cefalosporine era più comune con le molecole di vecchia generazione, con farmaci quali il Cefaclor è molto meno probabile tanto che spesso si somministrano anche in pazienti con storia anamnestica di reazione avversa a penicilline. È comunque una buona precauzione usare farmaci di altra classe come macrolidi o chinolonici, i quali non presentano alcun rischio di reazioni crociate, e usare le cefalosporine solo in caso di necessità.