Utente 809XXX
In seguito ad un'infezione da sifilide secondaria mi sono comparsi dei condilomi piani all'interno dell'ano.
vorrei sapere se questi guardiscono spontaneamente una volta fatta la cura per la sifilide o devono essere curati a parte e nel caso come

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Devono essere curati a parte, nulla hanno a che vedere con la Sifilide e la sede d'elezione è quella Venereologica.Le metodiche sono diverse e la più opportuna verrà decisa dallo specialista di cui sopra dopo che l'avrà potuta visitare realmente.
Cari saluti
[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Il Condiloma piano della Sifilide (o condilomi lati) è la diretta espressione della Sifilide secondaria :

Nulla a che vedere con i "classici condilomi" e quindi con l'HPV (sono spesso simili nella forma ad alcune condilomatosi genitali ma non certo nell'agente causale), essi sono una manifestazione iperplastica dell'agente infettivo della Sifilide (Treponema pallido).

Tali lesioni sono ricchissime di treponemi e sono quindi ad alto rischio per la trasmissione della Sifilide stessa

I Condilomi piani della Sifilide si curano curando la Sifilide stessa e mai debbono essere adottati altri approcci.

Si rivolga sempre alla sede Venereologica, con l'esperto di cute e mucose genitali per la cura del caso.

cari saluti

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Benini
28% attività
0% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2000
Rileggendo il suo post gentile utente bisogna precisare se i condilomi piani comparsi in corso di sifilide secondaria siano da ricondursi al sifiloderma papuloso(come penso e credo)che si presenta frequentemente anche escoriato e grossa fonte di contagio contenendo gran quantità di treponema pallido agente eziologico della malattia in oggetto(allora curando la stessa si cura anche il condiloma piano o sifiloderma papuloso)oppure da ricondursi all'HPV che nulla ha che vedere con la sifilide ma il cui termine rimane checchè se ne dica, per l'obiettività clinica che lo differenzia da quello acuminato nonostante l'agente eziologico di entrambi rientri nell'ampia famiglia degli HPV.
Cari saluti