Utente 324XXX
Buona sera ho 30 anni , in data 17/08/2011 effettuai un ecocardiogramma di controllo a causa della mia "ipocondria" che riportava quanto segue :

"Atrio sinistro normale.Valvola mitrale con normale flussimetria.Ventricolo sinistro di normali dimensioni cavitarie e spessori parietali con normale cinesi globale e segmentaria a riposo.
Valvola aortica tricuspide normale.Radice aortica e aorta scendente normali.Sezioni destre nella norma,PAPS stimata intorno ai 30 mmHg.
Pericardio indenne.
Vena cava inferiore normocollassante con il respiro ".

In pratica un referto normale.

A seguito di extrasistole avute mesi dopo, che piu che all'ansia furono attribuite ad una dilatazione del fondo gastrico(premesso che soffro oltretuttto di reflusso gastrico) , infatti appena tolsi latticini ecc....dalla mia alimentazione . le extrasistole scomparvero subito, cosa che ogni tanto ho ancora oggi spesso ma non in modo frequente come all'epoca , specie quando mangio cioccolata e mi stendo sul letto dopo aver pranzato.

Feci in occasione di quelle extrasistole degli accertamenti con vari ECG ed anche un HOLTER cardiaco delle 24 ore che mise in evidenza delle extrasistole ma a detta del cardiologo non erano preoccupanti , reputando il mio Holter assolutamente non preoccupante.

In occasione di quest Holter effettuai anche un altro Ecocardiogramma , presso un altra struttura precisamente il 27/01/2012 , quindi precisamente 5 mesi dopo il precedente, effettuato giusto per scrupolo e riportava quanto segue :

" Ventricolo sinistro di normali dimensioni cavitarie e regolari spessori parietali con normale cinesi regionale e funzione di pompa(FE >60%)
-Pattern flussimetrico transmitralico nei limiti
-Atrio sinistro di normale volumetria
-Normale la morfologia della mitrale.
-Valvola aortica tricuspide con sclerosi non stenotica delle semiluminari che condiziona una minima insufficienza valvolare.Aorta ascendente ed arco di normale calibro.
-Sezioni destre di normali dimensioni.Normale la cinesi del ventricolo destro. Lieve rigurgito tricuspidale da cui si evince una normale pressione sistolica polmonare.PSPmax circa 28mmHg.
- Nulla al pericardio "

la cardiologa dell ultimo ecocardio mi chiese se avevo avuto una tonsillite da piccolo.A 18 anni ebbi una tonsillite purulenta come complicanza di una mononucleosi curata con antibiotici poi.Ma di sicuro niente tra i 5 mesi tra un eco e l altro.
Il mio cardiologo dice che il referto non è preoccupante e che a volte manco viene refertata quest evenienza,più che ad una mancanza di colui che mi fece il precedente eco ascriveva una eccessiva meticolosità alla seconda cardiologa.Il cardiologo non gli diede peso alla cosa.
Pochio giorni fa ho effettuato un ECG perchè è da un po che sono ansioso ed era nella norma.
Che ne pensate di tutto ciò??

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
la metodica Ecocardiografica colordoppler, come tutte le ecografie, risente di due variabili importanti: la potenza dell'ecografo e la capacità dell'operatore di interpretare correttamente quanto sta valutando.
Se due Ecocadiogrammi hanno ribadito che la sua valvola polmonare è normale e continente, forse la diagnosi di sclerosi delle semilunari e di minima insufficienza valvolare non era veritiera.
Tralascio la domanda sulla possibile valvulopatia reumatica perchè mi sembra così "ingenua" da non meritare commenti.
Aggiungo che l'auscultazione cardiaca, per me, resta sempre il primo step di qualunque percorso diagnostico: un orecchio allenato in un soggetto normopeso sente anche un soffio 1/4 sec Levine, compresi i diastolici.
Ad ogni buon conto, l'importante è che Ella si sia rassicurata: perchè se deve passare i prossimi mesi tra un cardioecografista e un altro, le conviene effetturare una RM cardiaca e archiviare definitivamente l'argomento.
Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta Dott. Caldarola...
In realtà un ecocardiogramma (quello di agosto 2011) non vide alcuna "sclerosi della valvola aortica tricuspide" , quello di gennaio 2012 si.....
a 18 anni ho avuto una brutta tonsillite purulenta(presumo da streptococco Pyogenes).
Il mio cardiologo comunque disse di non preoccuparmi che a volte manco la refertano.
Onestamente avendo letto qua e la cose un po sconcertanti da profano un dubbio mi era sorta....oltretutto ho 31 anni ...e la sclerosi della valvola aortica mi è stata riscontrata nell ecocardio di gennaio 2012....poi a dirle la verità non ho effettuato piu alcun ecocardiogramma perchè il mio cardiologo non diede peso alla cosa ed ho svolto sempre la mai regolare vita quotidiana.. facendo sport.. anche pesistica ecc....

la cardiologa che individuò questa sclerosi valvolare aortica sembrava molto sicura di se nell'aver individuata....poi boh....
In ogni caso se non fosse dovuta ad una complicanza della tonsillite forte avuta a 18 anni....da cosa potrebbe dipendere???
Oltretutto ho 31 anni....alla diagnosi del 2012 ne avevo 27....non sarebbe prestino per avere una sclerosi della valvola aortica dovuta a semplice processo degenerativo??
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
mi era parso di leggere che avesse effettuato un terzo e recente Ecocardiogramma; leggendo ho visto che in realtà si trattava di un ECG.
Quindi lei ha effettuato due Eco, diametralmente opposti nei risultati, e dal 2012 non ha fatto più controlli.

Tornando alla questione: la sclerosi aortica alla sua età, se veramente sia presente, merita non solo approfondimento diagnostico ma un follow - up che mi pare lei non abbia fatto da tre anni.
La diagnosi ecografica è basata sul riscontro di una aumentata ecogenicità a livello delle cuspidi aortiche, in presenza tuttavia di una preservata, o solo lievemente ridotta, mobilità delle stesse.
Le ribadisco dunque che la metodica risente dell'interpretazione dell'operatore. Tanto più che nel contesto dell'ecocadio patologico le è stata dignosticata una minima insufficienza valvolare.
Nessuno potrà mai dire se si tratti di una forma degenerativa precoce, di un artefatto, o di una conseguenza di una valvulopatia reumatica, anche perchè non ha elementi per avere la certezza che la sua tonsillite sia stata sostenuta da Streptococco Beta Emolitico di gruppo A. Nè conosciamo se nell'infanzia abbia avuto una endocardite reumatica.

A 31 anni ella dovrebbe avere una valvola aortica ancora normale e continente, tanto più che ella pratica sports, come la pesistica, che mettono alla prova i cuori più sani.
Pertanto il cardiologo che la segue avrebbe dovuto NON minimizzare il tutto ma consigliarle ALMENO un ecocardiogramma annuale e una prova da sforzo.
"Scurdammoce 'o passato,. simmo 'e Napule, paisá" non si può applicare alla cardiologia.
Perciò, nel suo esclusivo interesse, valuti dopo tre anni lo stato della sua valvulopatia, l'entità del rigurgito e l'eventuale progressione della fibrosi. E se non l'ha fatta esegua una prova da sforzo.
Lo dica al suo Cardiologo!

"Il mio cardiologo dice che il referto non è preoccupante e che a volte manco viene refertata quest evenienza,più che ad una mancanza di colui che mi fece il precedente eco ascriveva una eccessiva meticolosità alla seconda cardiologa"

Se davvero il suo cardiologo ha affermato questo sarebbe bene che cambiasse mestiere.

Cordialità.


[#4] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Grazie per la risposta dott. caldarola.
Mi chiedo come sia possibile che nella prima ECO non fu individuata...
Non riesco a capire: un problema o c'è o non c'è , come potrebbe essere possibile secondo lei???
[#5] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Eco fatta soli 5 mesi prima oltretutto. Ribadisco che tra un eco e l altra non ho avuto alcun problema eccetto delle extrasistoli accertate poi anche con l HOLTER che pare dipesero da una dilatazione del fondo gastrico dovuto a certi alimenti, cosa che mi capita anche ora, ma raramente....Anche se scompaiono quando non mangio alcuni alimenti...
Comunque pesistica non la pratico piu da un anno , ma per problemi alla schiena..l ho pratica per un annetto nel 2013 , poi per un problemino alla schiena conclusi...attualmente faccio solo un po di corsa leggera...anche perchè i "tempi" non consentirebbero di dedicarmi molto allo sport

Volevo oltretutto chiederle : cosa intende che con l auscultazione cardiaca è possibile identificare alcuni "soffi" cardiaci??
Che correlazione puo esserci tra un soffio cardiaco e la sclerosi valvolare aortica tricuspidale??
Inoltre volevo chiederle(domanda tecnica): che alterazione può dare al tracciato elettrocardiografico un problema valvolare (stenotico e non)...
[#6] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Gentile Signore,
se lei non va a rifare un Ecocardiogramma parliamo del sesso degli Angeli.

Faccia l' Ecocardiogramma colordoppler così vedremo dal 2012 al 2015 come si è evoluta la patologia della sua valvola aortica, sempre che esista, e se sia il caso di considerare provvedimenti medici o chirurgici.

Mi faccia sapere, se vuole.

Cordialità.
[#7] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Grazie dottore, provvederò a fare un ecocardio.
Volevo oltretutto chiederle : cosa intende che con l auscultazione cardiaca è possibile identificare alcuni "soffi" cardiaci??
Che correlazione puo esserci tra un soffio cardiaco e la sclerosi valvolare aortica tricuspidale??
Inoltre volevo chiederle(domanda tecnica): che alterazione può dare al tracciato elettrocardiografico un problema valvolare (stenotico e non).
[#8] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Caro signore,
un ECG valuta l'attività elettrica del cuore e l'ecocardiogramma le sue strutture e il suo funzionamento.

Un ECG se risulti alterato da una valpulopatia indica che la stessa ha già provocato danni al cuore.

Il fonendoscopio è stato inventato appunto per auscutare i rumori cardiaci tra cui i soffi.

Cordialità.
[#9] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Grazie mille dottore.
Una domanda(magari sciocca): siccome assumo Pantoprazolo 20mg per lo stomaco.
Se faccio l' Ecocardiogramma ed un ECG questi ultimi potrebbero riportare qualche anche minima alterazione(nella cinesi, e nel tracciato ecc..) dall assunzione del farmaco??
Grazie ancora,

saluti.
[#10] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Asssolutamente no.
Cordialità
[#11] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
Gentile Dott. Caldarola, ho fatto oggi stesso Ecocardiogramma ed ECG presso un cardiologo di salerno che conosceva mio padre.

All ECO : lieve aumento di ecogenicità del lembo aortico coronarico sinistro NON associato a vizi valvolari.

In pratica gli altri due lembi della aorta sono normalissimi , la valvola è emodinamicamente sana , mi ha anche mostrato sul monitor che si apriva bene.

Gli ho mostrato i due ecocardiogrammi precedenti e ha detto che l ultimo era refertato in modo incongruo ed il primo era perfettamente sovrapponibile.

In pratica la valvola è sana.

Questo lieve ispessimento di un solo lembo ha detto che sì sarebbe potuto dipendere dalla tonsillite avuta a 18 anni ma anche semplicemente essere congenita.

l ECG è normale e la pressione arteriosa è 110(sistolica) e 70(diastolica).



[#12] dopo  
Utente 324XXX

Iscritto dal 2013
ma la pressione arteriosa non è un pò bassina dottore??almeno la diastolica...