Utente 128XXX
Buongiorno a tutti. Vi scrivo per il mio compagno.
In quest'ultimo periodo avere un rapporto sessuale è diventato un problema.
L'erezione: Durante il rapporto se lui è disteso sulla schiena il suo pene non sta "su", (per intenderci si appoggia sul basso ventre, resta coricato nonostante sia duro e in eccitazione).
Il glande: Durante la penetrazione ha male al glande (ci tengo a sottolineare che è circonciso dall'età di 10 anni) E alla fine interrompe il rapporto,perde l'erezione o arriva Subito.
Il dolore da quel che ha detto è su tutta la circonferenza.
Non presenta rossori, pus o cose che potrebbero far pensare ad un infezione.
Dice che sporadicamente ha bruciore a far pipì, ma non ha male durante l eiaculazione.
Dopo un tentato rapporto sessuale o anche solo del sesso orale, raggiunto l'accordo orgasmo non posso nemmeno sfiorarlo che salta letteralmente dal letto
Ho cercato su internet le possibili cause ma credo he la miglior cosa sia chiedere consulto a voi specialisti.
Il mio compagno è riluttante a recarsi da un medico, piuttosto ha perso totalmente interesse per il sesso e sta lasciando che il problema rovini la relazione.
Ci sono analisi o tamponi o cose simili che potremmo iniziare a fare eventualmente per escludere infezioni o malattie trasmissibili sessualmente (in questo caso mi preoccupo per me).
Ps.nel web ho letto che il diabete potrebbe essere connesso a problemi simili. Sua madre era diabetica.
Sono grata a tutti coloro che sapranno consigliami come agire per risolvere il problema.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

vista la complessità della situazione clinica del suo compagno, è difficile, da questa postazione, darle delle indicazioni precise da seguire.

Lo convinca che, soprattutto in questi casi, senza una valutazione clinica diretta, è impossibile formulare una risposta corretta, cioè capire la vera causa del suo problema e dare quindi una indicazione su quali passi successivi fare sia a livello diagnostico ma soprattutto terapeutico.

Bisogna, a questo punto, consultare in diretta un esperto andrologo.

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 128XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottor Beretta,
grazie per avermi risposto.
Purtroppo nn ho modo di convincerlo ad andare da un medico.
Ha deciso che può fare ameno o farlo 1/2 volte al mese.
È questo é triste visto che ha soli 36 anni.
Grazie ancora
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Riprovi, vedrà che alla fine riuscirà a convincerlo.

Ancora un cordiale saluto.