Utente 344XXX
Buongiorno a tutto lo staff medico,mi piacerebbe avere un opinione su una mia sintomatologia che mi crea in alcuni momenti un senso di disagio,premetto che ho svolto un ecg basale ed ecocardio appena 2mesi fa,test da sforzo su ciclette 8 mesi fa il tutto risultante nella norma,svolgo sport in maniera più o meno costante 3 volte a settimana,mi dedico soprattutto ad attività aerobica tipo jogging,corsa leggera non superando i 130 bm,il fenomeno che mi accade e il seguente:in momenti di stress psicofisico ad esempio,una giornata in cui durante la notte dormo 5 ore mi sveglio al mattino,comincio la mia attività lavorativa e la sera esco con amici,mi capita innanzitutto che durante la sera avverto una sensazione di stanchezza e tachicardia sui 100\110 bm e poi mi capita che nel momento in cui mi metto a letto la mia frequenza scendendo sui 70 bm,comincio ad avvertire extrasistole in alcuni momenti anche ravvicinati..e spesso mi capita anche di avvertirli il giorno dopo,premetto che in giornate normali,ovvero per normali intendo che non richiedono un attività fisica e psicologica intensa e raro che avverto tale sintomatologia,e come se uno stress psicofisico mi da un input Nell innesco di extrasistole..soprattutto nella fase di rilassamento alla sera in cui la frequenza e più o meno bassa...voi che ne pensate?come ultima cosa se non sono troppo esigente vorrei capire se e normale che dopo i pasti ho una frequenza di 100 bm da seduto,e nel momento in cui mi alzo dalla sedia la frequenza arriva aanche a 115bm il tutto stabilito da un frequenzimetro,grazie per l attenzione buongiorno.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore lei ha postato più volte domande nella nostra area e le è stato sempre escluso un rapporto tra i suoi disturbi e l'origine cardiaca...la negatività delle indagini che ha già eseguito lo conferma. Lei sembra avere un unico reale problema, la sua ansia patologica e per questo noi cardiologi non possiamo esserle di alcun aiuto. Per me lei ha bisogno di una consulenza psichiatrica.
Cordialmente