Utente 377XXX
Salve,
Sono un uomo di 46 anni sposato ed ho rapporti sessuali con mia moglie da 22 anni. Da circa 4 anni almeno soffro di disfunzione erettile associata ad eiaculazione precoce, nel senso che durante la fase dei preliminari stento molto ad avere una completa erezione, e quando questa finalmente arriva dopo lunga stimolazione dei miei genitali, eiaculo prima ancora di avere il rapporto di penetrazione. Se riesco a dominarmi faticosamente in questa fase, allora riesco ad avere il rapporto normale. Circa 3 anni fa mi sono rivolto ad un urologo il quale mi ha consigliatto di far uso di cialis (20mg), col quale ho effettivamente risolto inizialmente il problema. Essendo la dose eccessiva, sono passato allla pastiglia da 10 mg e, ancora in seguito per motivi di risparmio economico, a mezza pastiglia da 20 mg ( sentito anche il medico di base). Il problema e' che ultimamente la mezza pastiglia sembra non bastare piu', avendo nonostante tutto di nuovo difficolta' di erezione. Non vorrei entrare in un circolo vizioso di dosaggi sempre maggiori. Preciso di soffrire di pressione alta e di assumere betabloccanti, questo gia' in occasione della mia visita dallo specialista di alcuni anni fa. Pur avendo pochi rapporti (diciamo un paio al mese) mi piacerebbe tornare ad avere una vita sessuale piu' serena, essendo comunque ancora non dico giovane ma neppure ultra sessantenne..
Pur capendo la difficolta' di inquadrare la problematica, vi sarei grato di un vs. Indirizzo in merito.
Grazie
Cordialmente


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.le utente

come tutte le patologie anche la disfunzione erettile e la Eiaculazione precoce meritano di essere diagnosticate attraverso una serie di esami che servono per chiarire da cosa sono determinate. Dalla sua storia clinica sembrerebbe opportuno fare una valutazione del sistema vascolare penieno attraverso un esame specifico come l'ecodoppler dinamico ed anche valutando il quadro ormonale che interessa la sua sessualità, si consulti direttamente con lo specialista e se poi fosse necessario ci faccia sapere.

Cordialità