Utente 716XXX
Salve, ho eseguito le analisi del sangue e avrei un chiarimento da chiedere sui valori del colesterolo che sono di seguito a riportare:

colesterolo totale 261
colesterolo HDL 58
colesterolo LDL (cattivo) non è riportato ma credo si possa calcolare e dalla mia modesta esperienza di vita dovrebbe venire fuori attorno ai 176.

Chiedo cortesemente una valutazione di questi valori, attualmente sto integrando un pochino la dieta con EPA e DHA che comunque male non fanno.

Un cordiale saluto e un grazie a chi interverrà

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
In realta' gli EPA e DHA non hanno effetto sulla colesterolemia totale.
Se i valori fossero confermati, nonostante dieta stretta, sarebbe opportuno che lei iniziasse terapia con statine, specie se avesse familiarita' pwer infarti od ictus o se, peggio ancora fosse fumatore.
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
Grazie innanzitutto per la risposta.
Onestamente iniziare a prendere farmaci non è un qualcosa che avevo considerato anche perchè credo il limite "di sicurezza" dell'LDL sia attorno ai 150, in fondo è di poco superiore il mio valore.
Mi hanno consigliato di assumere riso rosso fermentato, pare che abbia le stesse proprietà dei farmaci a base di statine, e di intensificare l'attività sportiva, oltre che modificare le abitudini alimentari cercando di diminuire i grassi animali (manzo, formaggi in primis).
Non sono comunque nè fumatore, nè ho ereditarie patologie cardiologiche in famiglia.
Posso provare a fare queste cose e ripetere le analisi tra un mesetto circa.
I trigliceridi che ho omesso di comunicare sono a 133 , nel range di norma anche se più orientati verso il massimo che la soglia minima.
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Comprendo la sua ritrosia ad assumere farmaci, ma cerco di spiegarmi meglio.
Proprio perché i suoi trigliceridi sono normali significa che la sua ipercolesterolemia NON è dovuta solo alla alimentazione, ma a predisposizione genetica.chi assume statine riduce del 30% la possibilità di infarto e del 28% quella di ictus.
Gli integratori ai quali lei si riferisce hanno effetto nelle forme di ipercolesterolemia su base alimentare, dal momento che agiscono per lo più riducendo l assorbimento dei grassi, ma anche se riducono in quei casini valori della colesterolemia non riducono allo stesso modo delle statine il rischio di infarto o di ictus.
Ovviamente provi a stare a dieta a vita, aumenti certo l attività fisica , ma se i valori di colesterolo fossero elevati ricorra alle statine.
Non tutto ciò che è vegetale è buono, mi lasci dire infine, anche la amanita falloide è fatta dalla natura ma non gioca certo alla,salute.
Avere una ipercolesterolemia può essere paragonato al diabete: le misure dietetiche ed igieniche di vita, ma non bastano. Occorre assumere farmaci a vita.
Arrivederci
[#4] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
E' stato chiarissimo, la ringrazio, comunque ho 31 anni e affrontare certe situazioni che fino a poco tempo fa non avevo fà strano... del resto l'età avanza e i dolori pure...

buona giornata
[#5] dopo  
Utente 716XXX

Iscritto dal 2008
Situazione risolta, valori di colesterolo rientrati nella norma, trigliceridi tendenti all'alto ma nei parametri giusti... e il tutto con una dieta più attenta, assunzione di riso rosso e olio di borragine.

Era doveroso dirlo

Saluti
[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
meglio cosi.
Arrivederci