Utente 361XXX
ho seguito in data 17.04.2015 PET GLOBALE CORPOREA con la seguente risposta: al controllo odierno, rispetto alla precedente analoga indagine del 29.08,2014 (poi operato in data 09.12.2014) la tomografia per emissioni di positroni del corpo con tracciante per recettori di tipo 2 e 5 della somatostatina e TC implementata per correzione dell'attenuazione e localizzazione anatomica, non fa più riconoscere l'area di patologica concentrazione dell'indicatore precedentemente descritta alla coda del pancreas (pregressa chirurgia).
Ancora evidente e pressoché invariato per gradiente metabolico e dimensioni quanto descritto a D4; risulta invece un po' aumentata sia per accumulo del radiofarmaco che per dimensioni l'area prima descritta all'emisoma dx di C7, estesa ora per circa 1,5 cm e con aspetto litico nelle immagini di riferimento anatomino (altra localizzazione di malattia?) che appare perciò meritevole di confronto con altra metodica.
Chiedo una vostra valutazione.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, la sua Pet globale andrebbe discussa o portata dal suo oncologo in discussione multidisciplinare per decidere come continuare l'iter terapeutico, le sospette localizzazioni vertebrali vanno ben interpretate con il radiologo di riferimento che per la sua problematica deve essere necessariamente di indubbia esperienza.
Saluti