Utente 178XXX
Buonasera,

Scrivo per riportarvi la situazione in cui si trova la mia ragazza di 22 anni. Da un'anno a questa parte, quando abbiamo rapporti lei ha per i 2 o 3 giorni successivi un forte bruciore vaginale, soprattutto quando urina. A volte capita che questo incomba anche durante il rapporto, dovendo così interrompere dopo pochi minuti. Lei per mesi ha pensato si trattasse di cistite, tuttavia in seguito ad una visita ginecologica di qualche mese fa, ha scoperto di non avere cistite. La ginecologa le aveva detto che era solo infiammata e che probabilmente è molto sensibile e non si lubrifica abbastanza. Il problema ovviamente è rimasto. Io posso dire che a volte è vero, non è tanto lubrificata, però molte altre, mi sembra tanto lubrificata, eppure nonostante tutto a un certo punto inizia a sentire male. A questo punto siamo entrambi preoccupati e vorremmo trovare una soluzione a questo problema. Chiedo quindi gentilmente un vostro parere. Noi abbiamo rapporti non protetti (prende la pillola) perchè con il preservativo non riuscivamo nemmeno ad averli i rapporti in quanto sentiva subito male. Secondo voi è solo un problema di lubrificazione? O può essere qualcosa come Cistite? Anche se questa mi risulta un po' strana poichè se si trattasse di cistite dovrebbe intercorrere del tempo prima che si manifesti giusto? Ha anche fatto il tampone vaginale ed è risultato tutto apposto.

In attesa di risposta, Vi ringrazio per l'attenzione.
[#1] dopo  
Dr. Marco Piermatteo
36% attività
4% attualità
16% socialità
CASTAGNETO CARDUCCI (LI)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
Buongiorno, i quesiti che lei pone non sono di facile soluzione. Il problema riferito è piuttosto frequente, ma, a mio avviso, la risposta non può prescindere da un esame clinico accurato. Si tratta di valutare insieme alla donna la descrizione esatta dei suoi sintomi, fare un esame ispettivo accurato, valutare con la visita se vi siano punti dolorabili e dove sono localizzati, etc, etc. Le cause possono essere molteplici e non sempre di facile identificazione. Suggerisco quindi di tornare dallo specialista per approfondire il quadro: se non fosse soddisfatto dell'attenzione riservatale, dovrà evidentemente cambiare lo specialista. In tutto questo le premetto comunque che non è affetta da malattie gravissime o incurabili, richiedono solo tempo e pazienza. Saluti, M. Piermatteo