Utente 349XXX
Buongiorno , sono una ragazza di 27 anni . Non ho mai fai un anestesia vera e propria. Solo quest'anno per una devitalizzazione al molare, (dato che un precedenza per un incidente con il motorino mi hanno sottoposto all ' età' di 22 anni ad un tac con mezzo di contrasto che mi ha provocato un effetto molto strano, mi sono ripresa dopo non so quanto bentlan ) prima di iniettare l' anestesia abbiamo con il mio dentista delle prove sul braccio prima di cominciare il lavoro. L'anestesia senza adrenalina non mi ha causato alcuna reazione mentre quella con adrenalina ha fatto fuoriuscire qualche puntino ed un po' di gonfiore . Quindi il dentista ha preferito adottare la prima raccomandandomi di effettuare ulteriori indagini su una possibile allergia . Sono un po' preoccupata visto che se dovrò in futuro sottopormi a un intervento ho paura che mi faccia male. Cosa devo fare ? Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Buona sera,
innanzitutto se non lo ha già fatto dovrebbe chiarire bene con chi le ha somministrato il mezzo di contrasto per quella TC che tipo di reazione ha avuto. Se cioè è inquadrabile in una vera e propria reazione allergica... Si è ripresa da cosa col bentelan?
Poi dobbiamo fare un distinguo tra una possibile allergia all'anestetico locale (che può essere testata con delle prove allergiche specifiche da effettuarsi in opportuno centro specializzato), condizione possibile e una presunta allergia agli anestetici generali che invece appare un evento estremamente raro. Le due categorie di farmaci sono molto differenti e non paragonabili tra loro e difficilmente, questi ultimi, danno reazioni di tipo allergico.
Per cui le sue paure immagino riguardino soprattutto l'eventualità di effettuare intereventi con l'utilizzo dei primi (anestetici locali).
Comunque mi sembra che le precedenti effettuate col suo dentista non abbiamo dato alcun riscontro per cui non ritengo che debbano neanche essere effettuate prove allergiche.
In ogni caso se col tempo venissero riscontrati fenomeni di sensibilizzazione ad una sostanza (mezzo di contrasto compreso) può essere eseguita prima della loro somministrazione, nei giorni precedenti, una profilassi di cui esistono protocolli e linee guida validate che vengono applicate in preparazione ad un intervento.
Cordiali saluti