Utente 379XXX
Buonasera, mi rivolgo a voi per cercare un aiuto o un consiglio per risolvere un problema che non è propriamente mio. Io e il mio ragazzo stiamo insieme da un anno e mezzo e ancora non siamo riusciti a fare sesso, da un anno a questa parte facciamo tutto il resto senza problemi di nessun tipo, ma la penetrazione sembra impossibile. Io non sono vergine, il mio ragazzo si. Per questo ho cercato di essere comprensiva e non mettergli fretta ma le cose sembrano non cambiare, gli ho chiesto piu volte di andare da un dottore con il solo risultato di renderlo più triste ogni volta che gliene parlo, piu chiuso e sulla difensiva e comunque fermo sulla sua decisione di non andare da nessuno per vergogna e paura. Quello che succede è che lui ogni volta che prova a penetrarmi a meta si blocca perche gli fa male, raramente è successo anche durante il sesso orale, gli fa male appena si scopre un po' di più e a suo dire "se sai che ti fa male non ce la fai a spingere". Per questo ho pensato di spingerlo ad andare dal dottore, pensando fosse un problema fisico, visto che comunque la "punta" non si scopre mai completamente, come fosse un buco troppo piccolo e il pene non passasse, ma mi ha detto che per questo lo hanno gia controllato ed è semplicemente poco elastico ma con il tempo e l'uso sarà tutto normale. Poi c'è da dire che non è sicuramente al massimo della durezza durante l'erezione, ma è comunque duro abbastanza da permettere la penetrazione (secondo la mia esperienza).
Mi trovo quindi in una situazione difficile in cui non ho idea di quale sia il problema, non so assolutamente come aiutarlo e aiutarci e soprattutto non so nemmeno come comportarmi con lui poiché per paura di "bloccarlo" ho sempre cercato di capire, di non forzare, di non lamentarmi mai, di non essere mai aggressiva, ma ho paura anche che cosi facendo lui continui a rimandare e a non affrontare il problema, cosa che oltretutto mi sembra assurda, voglio dire dovrebbe morire dalla voglia di farlo.
So che è difficile dare una risposta cosi, che oltretutto sono io a fornire i dettagli e non il diretto interessato, pero non so a chi rivolgermi e spero che possiate darmi un consiglio o indirizzarmi magari.
Vi ringrazio in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Cara lettrice,

il sospetto che il suo ragazzo abbia una fimosi prepuziale che gli impedisce di scoprire completamente il glande e che ha determinato uno stato di ipersensibilità della mucosa del glande tale da creargli fgrossi disagi nella penetrazione sembrerebbe concreta.
E' chiaro che una visita andrologica diventa indispensabile anche per cercare di capire se possano esistere anche problemi circolatori in grado di alterare il meccanismo della erezione e del suo mantenimento.
Lo convinca magari in funzione di una verifica dello stato di fertilità e della possibilità di avere infezioni urinarie o seminali......
gli dica che tutte le ragazze vanno dal ginecologi e che tutti i ragazzi dovrebbero andare dall'andrologo....
cari saluti