Utente 379XXX
Salve scrivo per chiedere informazioni riguardo l'ingrandimento del pene mediamente metodi non chirurgici.
Sono un ragazzo di 23 anni, ho già fatto la visita dal mio medico di base che mi ha mandato a fare una visita dallo specialista andrologo. Entrambi mi hanno detto che non ho nessuna necessità di ricorrere ad interventi chirurgici, visto che rientro nella media italiana dei 13cm. Non ho problemi con la mia partner ne(a sentire lo psicologo)di tipo "sindrome da spogliatoio". Il mio "problema" (o ossessione) è prettamente tenuto al mio "io" interiore. Premetto che non ho intenzione di tornare a spendere centinaia di euro all'ora per psicologi e che ne riparlerò anche col mio medico, ma avrei voluto dei pareri esterni su qualche possibile terapia "reale" per questo mio desiderio. Spero capirete la serietà della mia domanda, visto anche il fatto che non ho accennato a NESSUNA delle innumerevoli "finte" terapie che si trovano nel web.
In attesa di una risposta Crodia Saluti
Grazie mille in anticipo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

visto che già conosce le "innumerevoli "finte" terapie che si trovano nel web" noi le diciamo, da questa postazione, che non ci sono "metodi non chirurgici" per l'ingrandimento del pene.

Comunque, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare tema andrologico, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/202-misure-pene.html

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille per il tempo dedicatomi e la risposta.
Spero di darmi pace in un modo(buttando via soldi nel web) o nell'altro(psicologo). In entrambi i casi molto prabilmente non sarò soddisfatto.
Cordiali Saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Senza drammi cerchi ora di darsi delle risposte "concrete" ai suoi "non reali" problemi e poi comunque mai dimenticare l'eventuale necessità di un ulteriore aiuto diretto da parte degli specialistici che l'hanno comunque in carico.

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Aggiungo qualche riflessione a quelle del dr. Beretta e la invito a consultare questa lettura

http://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/2162-genitali-ideali-misure-pene-falloplastica-vaginoplastica.html

"Il mio "problema" (o ossessione) è prettamente tenuto al mio "io" interiore. "

Se le sue problematiche sono interiori, e lì che le dovrebbe risolvere perché se trattasi di dismorfofobia e non di dismorfismo, qualunque intervento - anche il più adeguato- non la lascerà mai soddisfatto
[#5] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Grazie ancora per le risposte, se devo esser sincero l'idea di un intervento chirugico(di cui ho parlato anche con il mio medico di base) non mi entusiasma neanche un po'. Infatti ho deciso che (oltre a non averne fisiologicamente bisogno) non la farei nemmeno se fosse l'ultima scelta possibile.
Detto questo vorrei aggiungere che ho appena fatto 2 anni di seduta con uno psicologo e ammetto prima di tutti che mi è stato di grande aiuto, solo che ho smesso per motivi finanziari(mi trovo senza lavoro al momento). La più grande conquista personale(con appunto l'aiuto dello psicologo) è stata riuscire ad avere una relazione stabile con una partner con cui per mia grande fortuna ho un sincero dialogo. Ovviamente a lei non interessa nulla di tutto questo, che purtroppo è diventata una mia ossessione.
Quello che io, come tanti altri, chiamo "problema" quando in realtà come dite voi un problema di fatto non è, mi chiedo se sia(o meglio perchè sia) risolvibile solo psicologicamente. Mi spiego meglio, perchè vorrei capire se da quello che leggo potrebbe essere un rifiuto di una parte del mio corpo, o se sia una questione di "normalità" dovuta alla maggioranza, per la quale io dovrei cercare una soluzione in testa piuttosto che nel corpo. Cioè se io voglio esser diverso perchè è "sbagliato"? Perchè sono "malato" se voglio cambiare qualcosa di me? Di certo se decido di mettermi a dieta e cambio il mio fisico o meglio la "pancia" non mi considerano al di fuori della "normalità"......
Chiedo scusa preventivamente per tutti i dubbi che vi sto lanciando, ma sto approfittando di questo portale gratuito proprio perchè ora non potrei andare dallo psicologo.
Cordiali Saluti
[#6] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Può parteciparci tutti i suoi dubbi, ma non potranno essere fugati adeguatamente proprio perché online.

Legga anche queste letture, come spunto di riflessione, ma dovrà affrontare in terapia - anche in convenzione - la sua necessità di cambiare una parte così " simbolica" di se...

http://www.medicitalia.it/salute/pene-piccolo-dimensione-dei-genitali
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/2304/Misure-dei-genitali-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1170/Pene-piccolo-paure-d
[#7] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Grazie ancora per la disponibilità leggerò gli articoli che mi ha presentato, ma premetto che se fisicamente parlando l'unico metodo in questione è la chiururgia, allora sarò costretto a "sopportare" almeno per ora questa mia preoccupazione. Putroppo tramite medico di base mi sembra di aver ottenuto meno 10 ore di terapia convenzionate....
Cordiali Saluti
PS: data la vostra disponibilità se avessi altre domande una volta letti gli articoli sicuramente le posterò.
[#8] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Il primo articolo sulla "presunta chirurgia" avrei voluto che lo leggesse proprio per comprendere la differenza tra dismorfofobia - quindi disagio psicologico - e dismorfismo - disagio e danno organico, operabile.

Nessun medico la opererebbe senza motivazioni valide, sarebbe un vero crimine.

Prosegua con le sedute, legga le letture e se desidera, ne riparliamo
[#9] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Va bene grazie mille per il suo tempo.
[#10] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Lieta di averla ascoltata