Utente 355XXX
Buongiorno dottori,vorrei chiedere un vostro gentile parere su una situazione che mi sta agitando molto.
Stanotte mi sono addormentata verso mezzanotte e verso l'1 ricordo di essere stata in uno stato di dormi-veglia ed improvvisamente ho sentito il cuore passare da un battito lento a velocissimo ma regolare,come avessi fatto una corsa,ma il mio respiro era regolare e io ero tranquilla. Il tutto è durato 6/7 battiti.
Mentre qui ho potuto avvertire proprio l'inizio,un mese fa mi è capitata la stessa cosa,più verso mattina e mi sono svegliata con 6/7 battiti regolari ma molto veloci.
Questa è la 2/3 volta che mi capita (la prima non ero sicura che fosse completamente esclusa da sogni).
Non ho mai avuto attacchi di panico ma sono abbastanza ipocondriaca e questa situazione mi agita..
L'ultimo esito Holter ha rilevato:
3800 extra sopraventricolari isolate,bigemine,a coppie (284) e due triplette. 856 extra ventricolari isolate,a tratti bigemine e rare coppie.
Dall'ecocardiogramma è stata riscontrata solo una mitrale ridondante.
Il test da sforzo al cicloergometro è risultato negativo.
Stanotte mi sono spaventata e sono rimasta alzata per 2ore.
Questi battiti mi è capitato di averli raramente durante il giorno,ma non a distanza di un mese dall'uno all'altro.
Potrebbe essere una tachicardia parossistica ma vorrei sapere se questi sintomi richiedono più attenzione. Quale potrebbe essere,nel mio caso,la causa?
Sto prendendo una valeriana durante il giorno e 50gocce di biancospino prima di dormire,ma null'altro perché sono un pò contro i farmaci in giovane età,a meno che questo non mi esponga a rischi concreti! sono ipocondriaca ma se sapessi che non sono in pericolo questi episodi me li terrei,così come le extrasistoli quotidiane (ne avverto in media 3-4 salvo se mi sdraio supina o sul fianco sx dopo mangiato perché mi inizia proprio un "concerto " di extrasistoli anche continue).Prendo solo del lexotan al bisogno (come stanotte dato che mi sono spaventata).
Vi ringrazio tanto in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Il mio personale parere (ma non credo sia l'unico) è che lei è affetta da ansia patologica e i suoi sintomi sono da essa giustificati....in questi termini lei non ha bisogno di un cardiologo, ma di uno psicologo che le consiglio vivamente di contattare al più presto.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 355XXX

Iscritto dal 2014
Grazie,ascolterò il suo consiglio,però sono certa che se so che il problema non è cardiaco il 50% del lavoro psicologico lo farò da sola.
Capisco che magari l'80% delle persone che chiedono un consulto siano più che altro ansiose invece che cardiopatiche, ma mio padre ha avuto la FA da giovane quindi forse mi fascio un pò la testa ma so di essere molto simile a lui.
Le chiedo solo ancora:
-ma uno stato di ansia patologica potrebbe da sola causare un problema cardiaco?
-l'episodio dell'altra sera non potrebbe essere stata una tpsv?o è troppo breve per esserlo?perché il mio respiro era regolare,non avevo mangiato tanto l'altra sera ed ero tranquilla. Di solito le tachicardie da ansia non sono graduali ed accompagnate da altri sintomi?..a me ha spaventato più che altro quanto erano forti e improvvise da un mezzo secondo all'altro.
Ci terrei veramente un attimo che mi spiegasse e mi scuso se metto alla prova la sua pazienza.
La ringrazio ancora per la disponibilità e la pazienza.
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Ok....
è improbabile che lei abbia avuto una TPSV ... da come descrive il tutto le ripeto che ritengo si sia trattato di un'accelerazione "fisiologica" del battito cardiaco in conseguenza delle sue paure...
La FA di suo padre non ha nulla a che vedere con lei perchè non è un'aritmia congenita, ma acquisita....
Se dovrà svilupparla o meno, l'avrà o non l'avrà indipendentemente da suo padre.
L'ansia non và sottovalutata e nel tempo può essere causa di "somatizzazione" con comparsa di problemi secondari che possono interessare anche il cuore. Da buon intenditor....
[#4] dopo  
Utente 355XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno dottore, purtroppo questo disturbo negli ultimi mesi si è ripresentato e lo fa sempre più spesso.
Ormai ci convivo...so che se mi sdraio d'improvviso mi viene/se ho la pancia gonfia dopo mangiato anche ecc...non è un problema,me ne faccio una ragione, ma ogni tanto quando mi prendono senza nessuna causa apparente insieme alla sensazione di disagio che mettono sto proprio male. Non ho male, ma perché d'improvviso per 5/6 battiti il mio cuore decolla,fa tutto da solo e sembra impazzire? Sono palpitazioni forti con probabile aumento della frequenza.
Ormai si presentano sempre di più,fino a 2/3 volte a settimana.
Sto passando un periodo indubbiamente molto stressante ma non penso che lo stress da solo possa innescare un turbo cardiaco così a interruttore,in cui un attimo prima tutto tranquillo e quello dopo impazzire così.
Nell'ultimo Holter ho avuto un "ritmo atriale di 6 battiti" refertato così...non ricordo bene cosa il cardiologo intendesse ma che non era niente di preoccupante.
Io vorrei avere un parere sui sintomi che avverto,dopodichè valuterò se sono troppo fastidiose da prendere farmaci ma avrei bisogno del vostro aiuto.
Grazie mille