Utente 341XXX
Salve, vi espongo il mio caso.
Circa un mese fa mi sono rivolto ad un dentista per un sanguinamento gengivale.
Andato nel suo studio mi riscontra un infiammazione delle gengive e ipertrofia gengivale, mi sottopone a gengivectomia e ancor prima a radiografia.
Subito dopo mi chiede se usavo farmaci antiepilettici o altri ma non assumo niente e inoltre sono astemio e non fumo. L'unica cosa che assumo è il magnesio Mag2 che mi aiuta a prevenire episodi di emicrania con aura.
Finita la seduta, mi prescrive colluttorio CURASEPT. Nelle successive settimane il sanguinamento allo spazzolamento diminuisce ma l'altra sera tutt' un tratto sento sangue in bocca, apparentemente guardo con una luce in bocca e non c'era traccia di sangue ma se analizzavo la saliva caduta nel lavandino era di un rosso vivo. Il gusto del sangue lo avvertivo dal molare destro inferiore ma a controllo visivo non notavo sanguinamento. Dopo aver notato dei residui di tartato, ho spazzolato la zona e immediatamente vedevo uscire sangue dalla gengiva, come se la gengiva si stacca dal dente. Ripulita la zona uso il collutorio consigliato dal dottore e il sanguinamento nella saliva cessa.
Dalla radiografia ha analizzato una carie tra il secondo premolare e il primo molare dell'arcata inferiore sinistra.
Vorrei capire perché a volte mi ritrovo sangue nella saliva ma se vedo in bocca con una luce non vedo alcuna fuoriuscita di sangue.
E' passato già un mese dalla gengivectomia, la situazione in generale è migliorata ma l'altra sera per quei 2 minuti ho osservato quel sangue che mi fa riflettere.
Da considerare che sono anche raffreddato, ho la gola irritata e tosse.
RETTIFICO PRIMA DI RISPOSTE: ho provato a tossire e noto che la saliva si riempie di sangue.
Grazie in anticipo.
[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti
44% attività
8% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
la gengivectomia probabilmente ë stata inutile
in presenza di infiammazione gengivale si inizia con igiene superficiale e profonda con sondaggio e valutazione radiografica ( solitamente status endoorale ) .
lo studio parodontale è il punto di partenza x valutare eventuali problemi
si rechi da un collega esperto in paradontologia x un controllo
cordiali saluti