Utente 244XXX
Buonasera,
scrivo per chiedere consulto su una terapia antipertensiva iniziata 2 settimane fa, prescrittami a seguito di un accertamento diagnostico cardiologico per sospetta ectasia del bulbo aortico, successivamente esclusa.
Da circa 4 mesi soffro di leggera ipertensione arteriosa diastolica, con valori di circa 130-135/90-95 (ed alcuni rari picchi da ansia fino a 180/120), sebbene non stabili (rilevavo a volte valori diastolici normali); il motivo principale (non fumo, sono normopeso, faccio attività fisica aerobica regolare ma non esagerata...) suppongo sia l'ansia, dato che i valori si sono innalzati da parametri fisiologici dopo un attacco di panico (sono infatti attualmente in cura con sertralina, 75 mg/die).
La terapia antipertensiva impostata prevede losartan 12,5 mg/die per le prime 2 settimane, poi 25 mg/die; già con i 12,5 mg i valori sono nettamente scesi, attestandosi su 115/76 di media, ma la cardiologa che mi segue ha affermato essere comunque necessario passare al dosaggio di 25 mg perchè la pressione va tenuta sotto i 110 di massima, considerando anche il mio avere una conformazione fisica con sfumature marfanoidi che mi espone ad un maggior rischio di accidente vascolare (è stata comunque esclusa la sindrome di marfan tramite visite specialistiche ed esami genetici) e un calibro aortico a valori alti, seppur ancora fisiologici.
Vorrei domandare due cose:
- concordate sull'aumentare il dosaggio fino a valori sistolici minori di 110? Attualmente soffro di qualche episodio di ipotensione ortostatica, ma non vorrei che gli effetti indesiderati di un dosaggio maggiore si facessero più marcati.
- C'è qualche controindicazione a continuare una pratica sportiva aerobica (bici e corsa) durante la terapia antipertesiva?
Grazie mille, arrivederci

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Cocnordo perfettamente con la Collega che la segue.
L'importante e' che durante l'attivita' fisica ed anche durante la vita normale lei si idrati molto, bevendo 1,5-2 litri di acqua al di.
Arrivederci
[#2] dopo  
Utente 244XXX

Iscritto dal 2012
Buonasera dottore, grazie per la sua celere risposta. Arrivederci.