Utente 379XXX
Buongiorno. Sono stato da un urologo per leggeri disturbi urinari portando con me gli esami del sangue e un ecografia all'addome(pancreas). Lo stesso mi ha diagnosticato una prostata adenomatosa x1,7 nonché micromaturia e leucocituria.
Mi è stato prescritto dall’urologo: Silodyx8 e Avodart e fra un mese una serie di esami delle urine, ecografia e uretrocistografia.
Sono un maschio di 60 anni, diabetico, obeso, con moderata attività sessuale.
Le chiedo se l’ingrossamento della prostata è reversibile o solamente contenibile.
Inoltre, visti gli effetti collaterali dei farmaci prescritti e quindi non desiderando procedere con questa prescrizione, le chiedo se esistono terapie alternative.
Grazie in anticipo per l'eventuale risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Militello
48% attività
20% attualità
20% socialità
PONTECORVO (FR)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Brutta domanda

la situazione è contenibile ma difficilmente reversibile

per gli effetti collaterali si può ovviare con sostanze non chimiche che chiaramente hanno anche effetti minori

io direi, esegua la cura per almeno 45/60 giorni e poi si deciderà
[#2] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Cosa intende per sostanze non chimiche ?
Nei 45/60 giorni ci saranno ripercussioni nella mia vita sessuale?
Gli esami li faccio? e a cosa possono portare? (urinocoltura, ecografia reno/vescicale, citologia urinaria, uroflussometria)