Utente 380XXX
Buongiorno dottore,
Mi rivolgo a lei. Avendo avuto problemi di aritmia con extrasistoli( triplette) sono stata sottoposta a vari esamiL'ultimo esame è stata un'ecografia TRANSESOFAGEA.
il risultato: "ampio aneurisma del Setto interatriale con escursione bilaterale.
Fossa ovale 14 mm a 8 mm dal margine anteriore e 9 mm da quello superiore con due flussi (8mm anteriore e 3 mm posteriore) di shunt sn-dx costante.
Atrio ed auricola sn liberi da trombi, flusso di svuotamento adeguato.
Atrio dx nei limiti, non trombi. Valvola artica a tre Sigmoidi"
Ora devo sottopormi a risonanza encefalica e poi tornerò dal cardiologo. L'aritmia è diminuita, secondo il cardiologo perché correlata ad un'anemia notevole che ora ho corretto; da notare che finora ho preso Ritmonorm per 3 volte al giorno. tuttavia a volte mi sento ancora palpitazioni, sfarfallio, cuore in gola e quasi sempre ho un senso di affaticamento anomalo, quasi come se non riuscissi a respirare a pieni polmoni ( sensazione difficile da spiegare). Il mio cardiologo non ci ha dato peso. Sarebbe meglio assumessi Cardioaspirina?
Secondo lei è opportuno o indispensabile correggere tale difetto? Per via percutanea? In quale centro ospedaliero della mia zona o dintorni mi consiglia di rivolgermi?
Grata della sua cortese risposta le porgo un cordiale saluto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Cara signora
se le extrasistoli delle quali aprla sono sopraventricolari è molto probabile che siano secondarie al problema che coinvolge il setto interatriale. E' probabile che lei debba sottoporsi a una chiusura della comunicazione tra l'atrio dx e il sx, ma sul tipo di intervento a distanza non posso esserle di aiuto. E' una valutazione che và fatta dall'operatore che dovrà intervenire (innanzitutto l'emodinamista e in caso non sia possibile procedere per via percutanea, del cardiochirurgo). A Trento ha l'imbarazzo della scelta. La cardiologia dell'Ospedale Santa Chiara è sicuramente tra le migliori.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
gentile Dottor Rillo,
La ringrazio per la sua risposta chiara e tempestiva.