Utente 380XXX
Salve, sono una donna di 33 anni che ha sempre avuto un ciclo mestruale molto regolare (26 giorni). Nell'estate 2014 il ciclo si era accorciato, 23 giorni, e nel primo giorno riscontravo nausea e vomito che scompariva gia' al secondo giorno. Questo mi portò a chiedere un parere al mio ginecologo che attribuì allo stress le nuove manifestazioni. Durante quella visita mi riscontrò una piaga al collo dell'utero su cui ci concentrammo effettuando successivamente la “bruciatura”sotto controllo colposcopio. Per tre i mesi dopo, oltre agli ovuli e alle lavande, ho preso Chirofol 250g 2 volte al giorno e Immunolact. Da qui il ciclo mi si è allungato diventando 34-35 giorni fino a scomparire. Contemporaneamente aumentavo di peso e sentivo un forte desiderio di dolce, significativo rispetto al passato. E' febbraio 2015 quando dopo una inutile dieta da una nutrizionista (mangiavo bene ma non dimagrivo), anche dietro consiglio del ginecologo, faccio indagini alla tiroide che però è risultata sana. L'esperta mi consigliò i dosaggi ormonali che però secondo il ginecologo sono buoni. Attualmente non ho il ciclo dal 12 aprile 2015 data in cui l'ho stimolato con una iniezione di progesterone. Tutti i mesi è come se il ciclo stesse arrivando intorno al 27esimo (ne sento tutti i sintomi) e questo mese ho anche avuto delle perdite veramente leggere che mi hanno fatto sperare stesse arrivando, ma niente. Passato qualche giorno sento come se il ciclo fosse passato ma non c'è perdita di sangue. Sono preoccupata anche per l'aumento di peso (5 kg in 8 mesi), un sintomo che non riesco a controllare nonostante 5 giorni di attivita' fisica a settimana e nonostante il regime alimentare ristretto. Intendo ripetere i dosaggi (studiare tutto il ciclo) ma vorrei anche capire a quale specialista mi devo affidare. Vi ringrazio in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prima di tutto farei una valutazione della funzionalità tiroidea (ipotiroidismo??) in funzione dell'aumento del peso e della irregolarità del ciclo.
Bisogna escludere una SINDROME METABOLICA caratterizzata da aumento di peso, dislipidemia , ipertensione arteriosa , alterazioni del metabolismo glicidico e insulinico .
Saluti
[#2] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Gli esami riguardanti la tiroide sono buoni, l'esperta mi disse "non sara' mai mia paziente"...