Utente 380XXX
Buongiorno sono un ragazzo di 32anni. Da qualche anno soffro di prostatite recidivante. E' successo spesso che durante la defecazione uscisse liquido prostatico, con fortissimo dolore. Che passava dopo qualche ora. Rimaneva sempre un senso di pesantezza al perinero. Ho emorroidi un po' infiammate.
Ho fatto qualche anno fa (credo 2012) ecografia transrettale e risultava una prostata normale con (mi sembra di ricordare) calcificazioni che significavano un decorso di recente prostatite. Ho un varicocele credo di secondo grado e cisti epididimali evidenziato con ecografia testicolare, non mi da fastidio se non rare volte e in maniera leggera.
A fine 2012 sono stato dall'urologo il quale ha diagnosticato la prostata congesta e mi ha consigliato la spermiocultura, urinocultura e tampone uretrale (quest'ultimo non lo ho fatto) con ricerca dei germi comuni, chlamidia ecc... con metodo pcr. Tutto negativo. Le prostatite si sono continuate a verificare. Ho avuto solo una volta una leggera striatura rossa sangue nello sperma dopo masturbazione intensa. Non ho problemi di erezione. Ho sempre avuto bruciori e fastidi. A gennaio dopo un rapporto non protetto, con una ragazza che ho scoperto a fine rapporto che aveva l'inizio del ciclo mestruale, è iniziato i soliti sintomi di prostatite/uretrite, in più dopo qualche giorno è cresciuto in un paio di giorni una specie di nodulo (pallina turgida di neanche un cm) palpabile, posizionata a 1.5 / 2cm dalla punta del glande, sulla parte dove risiede l'uretra (nella parte che va verso lo scroto e non verso il pube) come se fosse incastonata tra i due corpi cavernosi. E' palpabile prendendo con il pollice e l'indice l'uretra quando il pene è flaccido, come se fosse un inturgidimento del corpo spungioso, è meno facile palparla quando il pene è in erezione perchè i corpi cavernosi si gonfiano e quella rimane così "protetta", si può comunque sentire passando le dita sull'uretra.Questa non midifica il profilo del pene. Non è dolorosa, se non se ci premo abbastanza decisamente. Rimane il bruciore alla minzione, la poca forza del getto dello sperma e noto a volte delle piccolissime secrezioini trasparenti che fanno incollare insieme l'apertura dell'uretra. HO rifatto gli esami, ma hanno sbagliato e li hanno fatti senza pcr... l'urologo mi ha visitato e ha diagnosticato la prostata congesta e ha fatto uscire il liquido prostatico, mi ha detto che secondo lui anche quella (pallina) è dovuta a infiammazione. Mi ha dato da prendere Permixon e flogeril forte. E che sarebbe opportuno realizzare il Test di Mears e se proprio voglio un'ecografia.
Devo dire inoltre che questi anni (specialemente l'ultimo) sono stati molto stressanti a causa di una difficile situazione amorosa e di vita. Pero' come ho risolto dopo molti anni la mia tracheite recidivante, vorrei risolvere questa prostatite e spero che non sia nulla di più. Voi che cosa mi consigliate?
[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

segua le indicazioni datele dal suo urologo, sono pienamente condivisibili.

Se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su tali problematiche urologiche ed andrologiche a livello della ghiandola prostatica, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche gl’articoli, pubblicati sempre sul nostro sito, visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/1784-prostatiti-croniche-attuali-considerazioni-diagnostiche-terapeutiche.html

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/200-malattie-prostata-stili-vita-prevenzione-nuove-indagini.html

http://www.medicitalia.it/salute/urologia/7-prostata.html

Un cordiale saluto.

[#2] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Grazie della risposta.
Alcune la classificazione delle prostatiti che si trova sul primo link che mi ha dato, viene fatta in base al test di meares?
Chiedo questo perchè se non erro nel test di meares manca l'esame del liquido seminale e il conteggio dei leucociti e interleuchine.
Quali altri esami devo aggiungere?
Che cosa è che si puo' infiammare in quel punto dove ho quel "nodulo, pallino"?
Per quali batteri/virus/funghi devo fare fare la ricerca?
Grazie
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

molti laboratori oggi, quasi sempre, chiudono il test di Meares e Stamey con una valutazione colturale sul liquido seminale che prevede una ricerca completa ed accurata di tutti i microrganismi oggi in causa nel determinare una infezione delle vie uro-seminali.

Un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Cioè mi sta dicendo che il test di meares comprende anche l'analisi del liquido seminale tramite masturbazione e non solo del liquido prostatico tramite spremitura delle prostata?
Si ma siccome se lo faccio in una struttura pubblica devo indicare per quali organismi voglio effettuare la ricerca, volevo sapere per quali.
Secondo lei devo farla l'ecografia?
Grazie
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Generalmente la ricerca colturale è fatta su tutti i Germi comuni, i Miceti, l'Ureaplasma, Mycoplasma e Chlamydiae.

L'ecografia, soprattutto se indicata dal suo urologo, può essere un esame molto utile.

Ancora un cordiale saluto.
[#6] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Ma ad esempio enterococco gonococo streptococco hpv ecc sono già compresi?
Per l'eco lui mi ha detto se vuoi fare falla ma secondo me nn ci ricavi nulla
[#7] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

idee un pò confuse le sue; ad esempio l'HPV è un virus e non esistono terreni di coltura.

Non si confonda ulteriormente le idee e senta o risenta in diretta ora il suo urologo di riferimento.

Ancora un cordiale saluto.