Utente 380XXX
Buongiorno,
ho 31 anni e vi scrivo per avere informazioni sui risultati del mio spermiogramma + spermiocoltura eseguito a seguito di una serie di sintomi che mi porto avanti da diverso tempo (da anni in modo incostante e variabile) che hanno fatto sospettare al medico curante una prostatite. Siccome da pochissimo tempo (un mese) io e mia moglie stiamo iniziando a provare ad avere figli, il dottore ha pensato di farmi fare oltre alla spermiocoltura anche uno spermiogramma.

Questi i valori dello spermiogramma:

Aspetto: proprio
Volume: 4,5 ml
pH: 7,5
Viscosità: Nei limiti
Fluidificazione: Fisiologica

Concentrazione spermatozoi: Concentrazione/ml: 110.000.000; Totale/eiaculato: 495.000

Motilità (1h): Progressiva: 25% rettilinea + 30% discinetica. Totale: 55%

Morfologia: tipici 14%; atipici 86%(teste amorfe, microcefalie, colli angolati, code rigonfie; numerosi acrosomi ridotti)

Leucociti: 400.000
Elementi linea germinativa: presenti


Questa invece è la spermiocoltura
Liq seminale microplasmi NEGATIVO
Es. colt. liquido seminale POSITIVO, per Staphylococcus capitis carica: 1.000.000 UFC/ml

Poi ci sono altre voci un po' lunghe che non so se sono molto importanti, come acido fusifico, ampicillina etc etc… con accanto una S o una R (se dovesse essere importante le posso riportare).

Dovrò vedere il medico di famiglia la prossima settimana (purtroppo non prima di giovedì venerdì e nel frattempo volevo sapere in primo luogo se ritenete che vi siano alterazioni significative dello spermiogramma. Noto che la morfologia non è proprio il massimo, ma ho anche letto che i parametri del 2010 hanno modificato i valori limite e dovrei rientrarci bene! Nel complesso che parare potete darmi? vi sembrano valori che possano rendere difficoltosa la procreazione diminuendo la mia fertilità?

In secondo luogo se ritenete che la presenza del batterio possa sia giustificare i sintomi che mi porto dietro da anni (pesantezza perineale, doloretti ai testicoli, ipersensibilità dell'area perineale e interno cosce, minzione non del tutto soddisfacente ) e inoltre se l'infezione batterica può spiegare i valori dello spermiogramma o averli in parte condizionati (e se con la cura del batterio stesso, i valori possono migliorare).

Vi ringrazio moltissimo per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gent.mo utente

dal suo esame risulta, secondo i criteri WHO 2010, una astenozoospermia che andrebbe valutata attraverso una visita per chiarire se esistono delle patologie in grado di determinarla, oltre alla probabile infezione che andrebbe confermata sempre attraverso una visita per valutare se esiste una obbiettività positiva,quindi si consulti in diretta e se poi servisse ci faccia sapere.

Un cordiale saluto
[#2] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

a tutte le sue ultime domande un preciso e sintetico sì.

Senta ora il suo andrologo di riferimento che si spera abbia chiare competenze in patologia della riproduzione umana e da lui si faccia dare la terapia mirata dall'antibiogramma che lei ci ha superficialmente segnalato.

Se desidera poi avere altre informazioni più precise sulla “complessità” che accompagna un’infertilità di coppia, può leggere anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl’indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/660-miti-realta-maschio-infertile.html

http://www.medicitalia.it/minforma/ginecologia-e-ostetricia/214-stile-vita-ed-infertilita.html

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1446-antiossidanti-radicali-liberi-fertilita-maschile.html

Un cordiale saluto.
[#3] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Grazie mille ad entrambi per le risposte.
Non ho però capito perché si può parlare nel mio caso di astenozoospermia. Dai parametri di riferimento che leggo nel referto mi sembra di aver capito che si rientra nella norma quando si una mobilità totale superiore al 40% ( in media al 50 percentile si arriva al 61%), e un 32% di mobilità progressiva (minimo, in media il 55%).
Ora dal mio spermiogramma leggo che la mobilità progressiva è data da: 25% rettilinea + 30% discinetica. Da come è scritto mi sembra di dover dedurre che anche la mobilità discinetica sia una forma peculiare di mobilità progressiva e che quindi debba essere sommata alla mobilità progressiva rettilinea. In tal caso avrei un 55% di mobilità progressiva e non ci sarebbe astenospermia.Forse però interpreto male il testo e a mobilità discinetica non è una forma di mobilità progressiva. Se così il mio referto sarebbe scritto in modo un po' ambiguo, ma tant'è.
In effetti questa seconda ipotesi farebbero tornare i conti con la mobilità totale che viene riportata al 55% (questa sì non sotto i valori minimi comunque) che è proprio la somma di 25% rettilinea e 30% discinetica.
Vi ringrazio in anticipo per il chiarimento ulteriore.

Per il resto, naturalmente andrò da un andrologo appena possibile!

Cordiali saluti

[#4] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Intanto, giusto per completezza vi inserisco i valori mancanti dell'antibiogramma.

Grazie ancora!

Questa è la spermiocoltura completa


Spermiocoltura

Liq seminale microplasmi NEGATIVO
Coltivazione miceti NEGATIVO
Es. colt. liquido seminale POSITIVO - Staphylococcus capitis carica: 1.000.000 UFC/ml


MIC S-I-R
_______________________________________________
Acido fusidico <=0,5 S
Ampicillina R
Ciprofloxacina <=0,5 S
Clindamicina <= 0,25 S
Daptomicina <= 0,25 S
Eritromicina <= 0,25 S
Fosfomicina c/G6P <=16 R
Gentamicina <=1 S
Linezolid <=0,5 S
Moxifloxacina <=0,25 S
Penicillina G R
Teicoplanina R
Tetraciclina <=0,5 S
Tobramicina <=1 S
Trimetoprim-sulfametoxozolo <=1/19 S
Vancomicina <=0,5 S
[#5] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
la motilità viene valutata in progressiva, non progressiva e immobili dove la progressiva deve essere almeno il 32% mentre lei ha un 25%, quindi si parla di astenozoospermia. Sarà il medico valutata l'obbiettività e la sua storia clinica ad indicarle l'antibiotico adatto, dove con la "S" sono indicate le molecole a cui il germe è sensibile.

Un cordiale saluto
[#6] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Grazie per il chiarimento!
Un'ultimissima domanda. La presenza dello Staphilococcus nel liquido spermatico si associa con certezza con qualche infezione delle vie seminali-prostata? Non è strano che, in presenza di un processo infettivo, il numero di leucociti sia ampiamente sotto il milione (posto come limite massimo), ovvero 400.000?

Grazie nuovamente

[#7] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Giusta considerazione, infatti potrebbe trattarsi di una contaminazione e per questo le ho già suggerito di confrontarsi prima di tutto con lo specialista per valutare oltre agli esami anche l'obbiettività.

Ancora cordialità
[#8] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
La ringrazio nuovamente.
Tradisco il patto sull'ultimissima domanda e mi permetto di porgerne un'ulteriore. Ho notato poco fa rileggendo i valori del mio spermiogramma ad un familiare, che la concentrazione e il volume sono buoni dando come esito (il prodotto tra i due valori) 495 milioni di spermatozoi. Fermo restando che occorre comunque valutare il problema della mobilità al 25% (e le sue eventuali cause), non crede che un valore assoluto di spermatozoi così elevato possa almeno parzialmente compensare la percentuale bassa di buona motilità nonché la non certo elevata percentuale di tipicità morfologica e rendere quindi il liquido seminale potenzialmente fertile anche allo stato attuale?

La ringrazio molto in anticipo
[#9] dopo  
Dr. Carlo Maretti
40% attività
20% attualità
16% socialità
PIACENZA (PC)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
la statistica è la prima cosa che ha sottolineato il WHO, quindi il suo discorso non fa una grinza.

Cordialità