Utente 380XXX
buongiorno. premettendo che un mese fa ho fatto uno studio elettrofisiologico endocavitatio con ablazione a radiofrequenza di tachicardia ventricolare ad origine dal tratto di efflusso del ventrico destro. ad una settimana dall intervento l ecg era buono senza alcuna extrasistola. dall holter ecg fatto qualche giorno fa pero' esce fuori questo risultato: ritmo sinusale con frequenza cardiaca media 83/min.nei limiti la conduzione AV ed intraventricolare.si segnalano fasi di aritmia sinusale e BSA di II° grado abortito da insorgenza di ritmo di scappamento atriale. frequente extrasistole ventricolare con fasi di bigeminismo ecoppie ed episodi di TVnS e RIVA. isolata extrasistolia sopraventricolare con fasi di ritmo atriale ectpico ed episodi di conduzione con BAV di II tipo Mobitz 1 e pausa massima di 2.11 secondi. trend elevato della frequenza cardiaca. non si documentano modifiche del tratto ST-T. io non avverto disturbi come prima di fare l ablazione... ma da incompetente in materia il rapporto holter nn mi tranquillizza affatto. grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore
l'Holter non è stato descritto in maniera accurata...occorre capire se i problemi conduttivi riscontrati, tanto del nodo del seno che del nodo AV, siano diurni o notturni, perchè il loro valore cambia radicalmente....per le TV bisogna stabilire se siano della stessa morfologia documentata prima dell'ablazione o se differnte...poichè nel secondo caso esprime un'aritmia differnete da quella trattata...Tenga inoltre presente che l'Holter ha dei limiti diagnostici perchè registra solo quel che accade durante 24 h, ma la nostra vita è fatta di 365 gg all'anno....
Cordialmente