Utente 282XXX
Gentili dottori,
a seguito di una lieve anemia ho dovuto iniziare una terapia con ferrograd ma la compressa intera nn riesco a tollerarla poiché mi causa forti mal di stomaco!
ho allora, su consiglio del medico di base, sostituito il farmaco con altro che tolleravo ma al successivo controllo nn mi ha risollevato assolutamente i valori.
Ho iniziato quindi a riprendere il ferrograd ma stavolta dividendo la compressa. ....dopo neanche un mese e mezzo di cura 2 punti in più di emoglobina! !! E nessun fastidio.....ho poi scoperto però che la compressa a rilascio graduato nn va assolutamente spezzata....che ho rischiato?
ora se dovessi riaverne bisogno come dovrei comportarmi?
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
gentile utente
non ha rischiato niente spezzando la compressa ha solo vanificato l'assorbimento del farmaco; ovviamente dovrà ricorrere ad altre formulazioni di ferro
[#2] dopo  
Utente 282XXX

Iscritto dal 2007
Vanificato in che senso? Il beneficio l'ho avuto! Sono passata da meno di 11 di emoglobina a 12,7!!!
[#3] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
l'assorbimento di ferrograd, spezzndo la compressa, tende a diminuire comunque si deve basare con le concentrazioni del ferro nel sangue se ottiene benefici in questo modo continui pure così
[#4] dopo  
Utente 282XXX

Iscritto dal 2007
Io credevo che il rilascio graduato servisse a far meno male allo stomaco e che spezzando la compressa avrei involontariamente fatto del male magari proprio allo stomaco!
grazie x la vostra disponibilità!