Utente 379XXX
Buongiorno Dottore, vorrei un consulto per la situazione di mia madre. Operata a fine aprile, materiale analizzato per esame istologico:
- nodulo QEE per-areolare mammella sin:frammento di parenchima mammario sede di focolai multipli di neoplasia lobulare in situ, alcuni dei quali giungono sui margini di resezione. È presente focolaio adenosico costituito da strutture duttali a carattere microcistico con fenomeni di iperplasia epiteliale intraduttale anche a carattere papillare.
-Quadrante supero esterno nodulo QSE mammella sin: carcinoma lobulare infiltrante mammella sin. La neoplasia presenta pattern di crescita a singole cellule talora disposte a filiera che in parte si aggregano in strutture solide di maggiori dimensioni. La popolazione neoplastica si estende attraverso grossolani setti fibrosi fino ad interessare un'area superiore a cm. 3 di diametro. Nel restante parenchima si associano diversi focolai di neoplasia lobulare in situ ( lin 2-3) e fenomeni di infiltrazione neoplastica di tipo pagetoide a catico di strutture duttali.Focolai neoplastici giungono sul margine di resezione laterale inferiore ed a mm. 1,5 dal margine laterale superiore.
- linfonodo sentinella indenne.
- Ampliamento versante infero profondo QSE mammella sin: frammento di parenchima mammario di allargamento con presenza di focolai di neoplasia lobulare in situ (lin 3), focolai situati a stretto ridosso di un versante di resezione, versate opposto indenne.

DIAGNOSI: Carcinoma lobulare infiltrante G3 della mammella sinistra con associati multipli focolai di neoplasia lobulare in situ (lin 3). Linfonodo sentinella indenne.
pT2 N0 (l.s.), clone SP1 Ventana positivo >95%, clone 1E2 Ventana positivo60%, KI-67 positivo nel35%, c-erbB2 negativo colorazione membrana assente.

Sentiti 2 oncologi, il primo ci dice che è sufficiente ciclo di radioterapia e pillola ormonale per5 anni. L'altro ci consiglia vista l'aggressività di eseguire nuovo intervento di mastectomia/svuotamento mammella con protesi e far seguire da pillola ormonale e breve ciclo di chemio non rossa evitando radioterapia visto infarto miocardio con inserimento stent avvenuto a mia madre a marzo 2012.
Dottore saprebbe consigliarci quale delle due terapie sarebbe consigliabile nel caso di mia madre? La radioterapia potrebbe essere pericolosa per il cuore? Ed eseguire un nuovo intervento potrebbe essere dannoso visto il problema cardiaco avuto? E possibile non si sia inquadrato prima il problema visto lo screening annuale sempre fatyo da mia madre? Grazie anticipatamente dottore per il tempo dedicato.



[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
LECCO (LC)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non è facile a distanza esprimere pareri corretti.

Se fosse mia madre in considerazione del precedente (infarto miocardio e la mastectomia + ricostruzione contemporanea è intervento impegnativo ) terrei in maggior considerazione la proposta del primo oncologo.

Ne riparlerei ancora con lui.

Tanti saluti
[#2] dopo  
Utente 379XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno Dottore,vorrei innanzitutto ringraziarla per la Sua risposta.Abbiamo fissato un nuovo appuntamento con l'oncologo e con il radioterapista per i possibili danni della radioterapia su paziente con precedente intervento di angioplastica.Sono però molto perplesso perché siccome il carcinoma lobulare infiltrante g3 è molto aggressivo e crea numerosi focolai,ho paura che siano presenti nella restante parte della mammella e che la radioterapia non sia sufficiente per distruggerli. Pertanto non riuscirei a considerare il problema definitivamente risolto con la paura di non riuscire ad individuare in tempo una eventuale recidiva in futuro vista l'esperienza del carcinoma mai evidenziato da alcuna mammografia e che viste le dimensioni (3 cm.) non credo sia frutto di una sola annualità. Lei Dottore che ne pensa? Ritiene sufficiente una terapia ormonale e di radioterapia? La ringrazio anticipatamente.