Utente 364XXX
Buongriono

Vi scrivo perché da un certo periodo osservo delle mosche volanti all'occhio sinistro e accuso disturbi della vista che mi causano quello che in inglese si definisce "visual snow" e "after images" (scusate non ho trovato i corrispondenti termini tecnici in Italiano).

Inoltre i miei occhi sono divenuti più sensibili alla luce e allo stesso tempo, quando splende il sole, i colori mi appaiono come sbiaditi.

Nei luoghi con poca illuminazione ora mi pare che le luci siano più basse di come le ricordavo.
In seguito all'osservazione di questi fenomeni mi sono sottoposto a ben tre visite oculistiche nell'arco di un paio di mesi, visite che non hanno rilevato alcun problema e hanno confermato i miei occhiali da vista.

Devo aggiungere che da alcuni mesi assumo alcuni farmaci per la cura di un disturbo d'ansia generalizzata e leggendo l'elenco degli effetti collaterali ci sono anche disturbi alla vista (in particolare sfocamento e sdoppiamento della vista).

Mi chiedo, visto il persistere dei problemi, se non sia il caso di sottopormi ad un controllo più accurato nonostante le riassicurazione dell'oculista?

Grazie per l'attenzione,
[#1] dopo  
Dr. Ferdinando Munno
28% attività
20% attualità
12% socialità
SIRACUSA (SR)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
salve,
vorrei rassicurarla perchè di certo dopo tre visite oculistiche se ci fosse stato qualche problema si sarebbe visto.
Il disturbo che sta curando può dare a prescindere dall'assunzione di farmaci, anche sintomi visivi un pò soggettivi e difficilmente obiettivabili.
Non credo sia necessario sottoporsi ad un ulteriore controllo, piuttosto conduca una vita regolare, cerchi di riposarsi di più e senza assumere psicostimolanti, per intenderci anche la semplice caffeina in eccesso può alterarle lo stato emotivo.
Se fosse necessario, dopo un mese di vita regolare, se ancora persistono questi sintomi esegua una nuova visita.
[#2] dopo  
Utente 364XXX

Iscritto dal 2014
Buongiorno Dottore,

La ringrazio per la rassicurazione.
L'oculista mi ha invitato a tornare per un controllo tra 6 mesi o un anno.

Per il resto conduco una vita regolare e non assumo alcuna sostanza psicostimolante (al massimo bevo the nero), ma vivo in una condizione di ansia costante con la quale mi confronto da diversi mesi.

I disturbi alla vista si sono manifestati con l'assunzione dei farmaci che mi sono stati prescritti (tra i quali il gabapentin che sospetto essere alla base di questi problemi) e con il passare dei giorni trascorsi in ospedale dove sono stato ricoverato per disturbi d'ansia (esperienza di per se alquanto stressante in quanto vissuto in stato estero lontano dai familiari...).

Grazie di nuovo