Utente 381XXX
Buongiorno,
scrivo per chiedere un'informazione, anche se tra un paio di giorni ho appuntamento col mio dottore di famiglia. Oggi ho fatto una ecografia al bicipite femorale perchè da un mese avevo dolori in seguito ad uno sforzo fisico importante compiuto a freddo e senza alcun riscaldamento. La dottoressa ha riscontrato uno strappo muscolare da 3cmx1cm , mi ha istruito sul da farsi consigliandomi riposo, nessuno sforzo importante, uno stretching delicato e niente corsa ancora per una decina di giorni. Fin qui tutto chiaro, ma mi sorge un dubbio: la dottoressa mi ha detto: "il rischio flebite ormai dopo un mese dovresti averlo superato, ma stai comunque attenta se ti si gonfia la gamba o se avverti calore importante nella zona" . Ho ovviamente chiesto se rischiavo una flebite anche dopo parecchi giorni ma non mi ha risposto, se non ripetendo la frase sopra scritta.
Quindi la mia domanda è: devo fare qualche altro accertamento? Il fatto che in un mese non mi sia venuta la flebite è una garanzia che non mi verrà ora? Fortunatamente ho sempre avuto una salute di ferro e non ho dimestichezza con queste cose.
(nb in famiglia ho avuto casi di tromboflebite, nonna materna e mia madre, e mia zia che era malata è stata stroncata da un embolo,e io stessa, a detta del mio dottore che aveva visionato le mie analisi del sangue anni fa, diceva che avevo il sangue "denso.. da qui la mia preoccupazione)
Grazie per la vostra risposta,
Maria
[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
effettivamente a distanza di un mese, viste le dimensioni minime del reperto ("strappo" ?), dando per scontata l'esattezza della valutazione ecografica e quindi l'attribuzione dei sintomi, il rischio di una flebite posttraumatica dovrebbe essere minimo o assente.
La valutazione potrebbe essere in qualche misura diversa in presenza di uno stato di trombofilia su base genetica (cosa diversa dall'avere il sangue "denso" - ??), che andrebbe ricercato mediante specifici esami ematochimici.
Si attenga in ogni caso alle precizioni del Suo Medico, che avrà la possibilità di effettuare una valutazione dal vivo.
[#2] dopo  
Utente 381XXX

Iscritto dal 2015
Grazie per il suo tempo,
Saluti