Utente 381XXX
Già nell'adolescenza un medico aveva ipotizzato un varicocele (che non ho mai verificato, tuttavia) poi in seguito smentito anche dal medico militare in fase di arruolamento quando feci il militare.
Oggi a 45 anni, a seguito di una chemioterapia terminata 2 anni fa, sono seguito da un andrologo che mi ha diagnosticato un varicocele di 3° grado bilaterale.
La mia domanda è questa: poiché amo fare sport (non pesante!) intendendo con ciò pilates e corsa, ciò incide in che modo sul varicocele? Consideri che corro 2-3 volte a settimana e per 15 al massimo.
A parte l'attività fisica, il lavoro sedentario (studio e attività di computer) incidono molto negativamente?
Grazie, Andrea

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
no stia tranquillo il varicocele non dovrebbe peggiorare o cmq non crearle probelmi
[#2] dopo  
Dr. Carmine Di Palma
24% attività
4% attualità
12% socialità
CIMITILE (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2015
Concordo con il dott. Quarto per quanto concerne l'attività fisica. A mio avviso, comunque, il problema VARICOCELE andrebbe inquadrato da un altro punto di vista. Più che focalizzare l'attenzione sulla gradazione del varicocele che è di per se operatore dipendente e soggetta a molte variabili, andrebbero indagati aspetti ben più importanti: ha già figli? il varicocele è sintomatico? C'è poi da dire per onestà che un varicocele bilaterale è alquanto raro. Per quale motivo ha effettuato la chemioterapia?
[#3] dopo  
Utente 381XXX

Iscritto dal 2015
Grazie per le vostre risposte.
per rispondere all'ultima richiesta, non ho ancora figli e ho cominciato a farmi seguire da un andrologo poiché con mia moglie stiamo pensando ad un bambino e, come dicevo, ho un precedente di chemioterapia nel 2012 (e radioterapia per 2 mesi fino a febbraio 2013), essendomi stato diagnosticato un Linfoma Non-Hodgkin nel 2012. Ora, per fortuna le cose vanno molto meglio.
Il varicocele non è sintomatico e la sua storia è uscita fuori dopo anni solo perché l'andrologo me l'ha detto.
[#4] dopo  
Dr. Carmine Di Palma
24% attività
4% attualità
12% socialità
CIMITILE (NA)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2015
Si affidi senza remore al percorso che le proporrà il collega andrologo senza abbandonare l'attività fisica che è fondamentale per tenersi in forma e contrastare la sindrome metabolica, causa spesso di problemi alla spermatogenesi.