Utente 377XXX
Buongiorno,
ho 43 anni e il 28 di Marzo ho subito un TIA durato pochi minuti.
teoricamente provocato da un forame ovale. poi smentito dai risultati ed ancor oggi non ho idea su cosa possa aver provocato il TIA ( a questo punto dico "se di TIA" si tratta) nel corso dei 7 giorni rimasto in ospedale, ho affrontato
una risonanza magnetica, tac, (oltre alle altre varie analisi)
per finire ad un ecodopler alla carotide. tutti i risultati sono
stati buoni tranne che per l'Ecocardiogramma dove è stato riscontrato
un (apparentemente piccolo) forame ovale pervio che dopo aver effettuato un eco cardiogramma Transesofageo (mal tollerato) ed un eco color dopler transcranico è risultato essere chiuso ( il cardiologo in sostanza mi ha detto di aver iniettato migliaia di microbolle e non ne è passata nemmeno una...) unico neo di tutte le analisi fatte è venuto fuori dallo studio per trombofilia dove sono risultato positivo al POLIMORFISMO DELLA MUTAZIONE DELLA PROTROMBINA IN ETEROZIGOSI) come cura assumo PLAVIX 75 dopo pranzo e PANTORC 40 la sera prima di dormire.
detto questo arrivo al quesito:
da 3 anni utilizzo ogni 7 giorni una pillola di Cialis da 20 mg.
frutto di una piccola depressione di qualche anno fa. posso ancora utilizzare questo farmaco con
la mia situazione clinica di oggi? se no, quali altre alternative ho?

grazie anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Davide Ventre
40% attività
8% attualità
16% socialità
SONCINO (CR)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Salve,
mi perdoni forse capisco male io: le è stato prescritto del Cialis per la depressione? Se così fosse, sarebbe non solo eticamente scorretto da parte di chi gliel'ha prescritto, ma anche se io avessi preso un grosso abbaglio, le garantisco che le opzioni a disposizione per curare la depressione sono ben altre ed efficaci, che le può indicare eventualmente uno Psichiatra dopo una visita accurata.

Detto questo, penso, in base ai dati che mi fornisce, che il suo evento ischemico cerebrale possa essere stato causato proprio dal polimorfismo che descrive, e non dal PFO che è stato smentito dall'eco transesofageo.

Cordiali Saluti.
[#2] dopo  
Utente 377XXX

Iscritto dal 2015
grazie dottore per la risposta.
nel cercare di essere sintetico ovviamente ho omesso alcuni particolari.
la depressione è stata curata con Alprazolam e Anafranil. in quel periodo tra le conseguenze ci fu un calo del desiderio o qualcosa di simile ed il medico mi prescisse momentaneamente il Cialis come "supporto". il fatto che continui ad usarlo è sbagliato e forse non ne ho neanche bisogno ma lo faccio perché è stato davvero traumatico trovarmi in situazioni come quelle e per evitare....
per quanto riguarda il polimorfismo, l'ematologo ha quasi escluso che la causa del TIA possa essere quella poiché secondo lui, in genere, tale predisposizione colpisce soprattutto gambe e torace in situazioni di immobilità forzata (ingessature e affini).
mi scuso quindi nel essere stato poco chiaro nel aver raccontato la mia situazione, gradire molto dottor Ventre avere un suo parere sul quesito inerente il mio consulto.

grazie mille