Utente 233XXX
Buonasera Prof/Dott mia madre età 79 anni affetta da circa 30 anni da pressione oculare per circa 29 anni la sua cura è stata TIMOPTOL 0,50%. Ma da circa 2 anni all'occhio sx ma nessun oculista nello studio privato gli hanno detto di sottoporsi all'intervento oculistico. Fino a 6 mesi fa mia madre vedeva diciamo appannata ma svolgeva tutte le mansioni di vita con tranquillità. Però da circa sei mesi dice che vede sempre più appannato, allora noi figli l'abbiamo portata all'oculista allo studio ma non soddisfatta insomma siamo andati ad otto oculisti tutti allo studio. Sette di loro non si sono pronunciati dell'operazione della cataratta perché avendo la pressione oculare non si sa come stia il nervo ottico e la retina solo un oculista ha detto che può effettuarla senza problemi che l'operazione va bene cioè che rivede bene logico è un po' miope quello rimane gli altri si sono astenuti nel dire di operarsi perché con tutte le gocce anche con due principi attivi messi insieme l'occhio ha la pressione 20 22 ed è raro che ha intorno a 16. l'ultima visita il dottore ha detto di provare a mettere la mattina e la sera ad ambedue gli occhi sempre TIMOPTOL 0,50% e al dx che è risultato alto 25 invece al sx 20 di aggiungere un altro collirio OCUSYNT, adesso deve controllare se gli si è abbassato. Vorrei per favore da Voi siccome che ogni volta che ho posto un problema me l'avete risolto in qualsiasi specializzazione , vorrei un consiglio si può sottoporre all'operazione della cataratta senza che abbia conseguenze visive o è meglio che stia così. logico è sempre un intervento ha i suoi dubbi, ma in questo contesto ha lo stesso rischio di un operazione in un occhio normale o il suo rischio nella visione dell'occhio più alto del normale. Vi ringrazio attendo una Vs risposta spero che sia stata chiara nell'espormi. Buona serata.
[#1] dopo  
Dr. Ferdinando Munno
28% attività
20% attualità
12% socialità
SIRACUSA (SR)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2015
Prenota una visita specialistica
Prima di tutto la cataratta è solo un'opacità del cristallino e a tal proposito va eliminata solo quando la visione è veramente scarsa e quando la signora non è soddisfatta della sua visione.
E' come sostituire un vetro ormai opaco e metterne uno pulito e trasparente, nel caso della signora anche graduato al fine di eliminare tutta la miopia e non utilizzare più occhiali dopo l'intervento.
Nel caso della signora avrebbe ancora un vantaggio, ovvero di ridurre la pressione oculare perchè il cristallino esercita una pressione in virtù della sua forma e del suo volume, una volta eliminato e sostituito con uno artificiale, i piani si riducono e la pressione potrebbe scendere automaticamente.
Non sono rari i casi di pazienti glaucomatosi che dopo l'intervento non utilizzano più colliri ipotonizzanti.
Se posso permettermi, affidatevi ad un solo oculista, seguitene le indicazioni perchè girare e continuare a girare al fine unico di sentirsi dire ciò che si vuole, alla fine si trova l'oculista perfetto.
Allora prendetene uno, quello che vi è sembrato migliore ed affidatevi completamente alle sue indicazioni, altrimenti rischiate soltanto di confondervi le idee e poi siete costretti a chiedere indicazioni telematiche che per quanto soddisfacenti, non possono mai sostituire una completa visita e colloquio oculistico.
[#2] dopo  
Utente 233XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio Dr. la sua risposta è stata molto esaustivo. Come ha consigliato Lei valuterò un dottore idoneo e professionale che possa risolvere il problema. Per la tranquillità di mia madre. Colgo l'occasione per inviarLa buon proseguimento di giornata. E grazie del responso.