Utente 380XXX
Egregi dottori,
chiedo un Vs. parere per un dubbio che continua a persistere nonostante abbia avuto una risposta in un precedente consulto. In breve, ho constatato che Voi urologi utilizzate spesso in modo diverso il termine "orchidopessi". Più precisamente nel precedente consulto mi era stato detto che orchidopessi e fissaggio fossero lo stesso intervento chirurgico, mentre leggendo altri consulti ho capito che alcuni di voi utilizzano i termini differentemente.
Nel caso specifico, mi è stato suggerito un intervento di "orchidopessi" con eversione della tunica vaginale a causa dei seguenti sintomi: testicoli dolenti quando lo scroto si contrae, un episodio (o almeno soltanto uno di cui io mi sia accorto) di risalita dei testicoli nell'addome e, soprattutto, la tendenza abbastanza frequente dei testicoli a porsi orizzontalmente nello scroto quando il muscolo cremastere li "spinge" verso l'alto. Il mio urologo mi ha detto che l'intervento consiste in una incisione nello scroto per poi ancorare i testicoli ad esso.
Detto ciò, l'intervento di orchidopessi non dovrebbe consistere in una incisione nell'inguine cui si ricorre quando i testicoli si trovano nell'addome e non scendono (problema che non ho)? E nel mio caso ("testicoli mobili e retrattili" stando alla diagnosi del mio urologo) quale intervento sarebbe il più appropriato? Mi aiutate per favore a fare un po' di chiarezza?
Ringrazio in anticipo.

Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

ha ben compreso la questione, l'orchidopessi consiste in una incisione nell'inguine cui si ricorre quando i testicoli si trovano nell'addome e non scendono mentre la fissazione quando i testicoli sono mobili, in questo caso si fa la fissazione dei testicoli cioè "l'intervento che consiste in una incisione nello scroto per poi ancorare i testicoli ad esso".

Nel suo caso se ha "testicoli mobili e retrattili" a lei e al suo specialista di riferimento le conclusioni.

Risenta ora il suo urologo di riferimento.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Egr. dott. Beretta,
La ringrazio per la Sua risposta. A questo punto credo che il mio urologo intedesse l'intervento di fissaggio, che tuttavia chiama "orchidopessi" così come altri Suoi colleghi. Credo (pur essendo ignorante in materia) che si tratti di un semplice uso diverso (non so se improprio) del termine.
Se posso, vorrei porLe un'ulteriore domanda: l'intervento di fissaggio (cioè quello che credo di dover fare io) si esegue normalmente in anestesia generale o è sufficiente un'anestesia spinale? Non essendo mai stato sopposto ad un'operazione chirurgica ho un po' di timore per l'anestesia.

Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

una fissazione normale, con eversione della vaginale, può essere fatta anche in anestesia locale.

Ancora un cordiale saluto.
[#4] dopo  
Utente 380XXX

Iscritto dal 2015
Egr. dott. Beretta,
La ringrazio (in ritardo) della Sua risposta.