Utente 153XXX
Buongiorno, mia suocera di anni 79 è stata sottoposta ad una cura di cortisone più immunosoppressore per debellare una Vasculite con porpora.
Assume per tre volte al giorno insulina per diabete causato dal cortisone
Siamo in cura presso il reparto di nefrologia dell'ospedale di Novara, purtroppo l'assunzione di cortisone in dosi elevate ha causato un cedimento delle vertebre che rende praticamente invalidante con forti dolori da non poter nemmeno fare due passi.
Esiste un medicinale o una cura specifica per alleviare il dolore.
Attualmente è concesso solo l'assunzione di tachipirina 500 due volte al giorno ma senza nessun beneficio.
Esistono dei busti che possono ridurre il dolore?
Inoltre mia suocera ha una forte osteoporosi dovuta sempre al cortisone.
Siamo molto preoccupati per la situazione venutasi a creare in particolare per questo mal di schiena costante ma che viene messo da tutti in secondo piano.
grazie
Saluti
[#1] dopo  
Dr. Remo Luciani
28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2012
Prenota una visita specialistica
egregio Utente,
con i limiti del consulto telematico:
1) sicuramente in presenza di crolli vertebrali si possono utilizzare busti e corsetti ortopedici per ridurre carico e dolore
2) se non è presente una grave insuffcienza renale si può vedere l'utilizzo di difosfonati come agenti remineralizzanti
3) prevederei una consulenza ortpedica quanto prima ed eventuale MOC per valutare lo stato dell'osso.
Un caro saluto