Utente 382XXX
EGREGI SPECIALISTI
15 ANNI FA MI FU RISCONTRATA UNA FIBRILLAZIONE ATRIALE IN SEGUITO A IPERTIROIDISMO ENTRO UN MESE LA FIBRILLAZIONE RIENTRO CON I FARMACI.
QUATTRO ANNI FA SI è RIPRESENTATA LA FIBRILLAZIONE CON I VALORI TIROIDEI NELLA NORMA ( ASSUMO 5 VOLTE A SETTIMANA MEZZA COMPRESSA DI TAPAZOLE IN VIA PRECAUZIONALE ).
PURTROPPO ERA STATA EVIDENZIATA IN UN SOLO ELETTROCARDIOGRAMMA. MI FURONO PRESCRITTI FARMACI BETABLOCCANTI R LA CARDIOASPIRINA
HOLTER NEGATIVO CUORE SANO MA IO HO AVUTO FIBRILLAZIONE ANCHE PIU VOLTE A SETTIMANA RIENTRATA SEMPRE SPONTANEAMENTE.
INTANTO HO DOLORE AL POLPACCIO NON FACCIO VISITA SPECIALISTICA SE NON A DISTANZA DI UN MESE E MI VIENE FATTA LA SEGUENTE DIAGNOSI:
"VISITA PER VALUTAZIONE COMPLEMENTARE DI UNA ISCHEMIA CRONICA DELL'ARTO INFERIORE DESTRO, SIMATOLOGIA INIZIATA UN MESE FA , CON DOLORE ACUTO AL POLPACCIO E CLAUDICATIO, IL CUI PERIMETRO DI MARCIA è PROGRESSIVAMRENTE MIGLIORATO FINO A GIUNGERE ATTUALMENTE AL CHILOMETRO.
FATTORI DI RISCHIO ATEROGENI ASSENTI.
DALL'ECOCOLORDOPPLER DIMOSTRA LA PERVIETA' DELL'ASSE FEMOROPOPLITEO. ESISTE MODESTA DEMODULAZIONE A LIVELLO DEGLI ASSI DI GAMBA CON PERCEZIONE ATTUALMENTE DEL POLSO TIBIALE ANTERIORE IPOSFIDMCO RISPETTO AL CONTROLATERALE.
TENUTO CONTO DELLA CONDIZIONE ASINTOMATICA, DELLA EVOLUZIONE FAVOREVOLE DELL'EPISODIO EMBOLICO CHE RISALE AD 1 MASE FA, HO CONSIGLIATO IL MONITORAGGIO FRA DUE MESI. IN CASO DI STABILIZZAZIONE DEFINITIVA SI VALUTERA' L'OPPORTUNITA' DI UN'ANGIOPLASICA."
DOPO L'EPISODIO DEL POLPACCIO ( AL MOMENTO ERO CON I FARMACI DESCRITTI PRECEDENTEMENTE CARDIOASPIRINA BISOPROLO )
A DISTANZA DI QUALCHE GIORNO DALLA TV MI VIENE REGISTRATA ALL'ELETTROCARDIOGRAMMA LA FIBRILLAZIO PER CUI MI VIENE CAMBIATA LA CURA : 2 COMPRESSE AL GIORNO DI RYTMONORM 300, XARELTO 20 UNA AL GIORNO, BISOPROLOLO META' LA MATTINA E UNO ALLA SERA.
IL MEDICOVASCOLARE MI CONFERMA LA TERAPIA NON AGGIUNGENDO ALTRO FARMACO SOLO MI CONSIGLIA DI CAMMINARE
ORA E' UN MESE CHE NON HO RECIDIVE DI FIBRILLAZIONE MI SEMBRA UNA VITA MA HO PAURA PER LA RECIVIA PER IL TROMBO.
DOTTORE MI AIUTI A CAPIRE MEGLIO L'ANSIA LA STO COMBATTENDO CON XANAX
HO PAURA DELLE MORTI IMPROVVISE DI TROMBI IN ALTRI ORGANI VITALI
LE CHIEDO
VA BENE LA TERAPIA ANCHE PER LA TV?
COME MAI NON MI HA CONSIGLIATO UNA CALZA ELASTICA?
SONO SOGGETTO A RISCHIO DI ALTRI TROMBI? E QUESTO DELLA GAMBA PUO' MUOVERSI VERSO ALTRI ORGANI?
HO POSSIBILITA' DI NON FARE L'ANGIOPLASTICA VISTO CHE SENTO MIGLIORAMENTI NEL CAMMINARE?
LA PREGO MI DIA UNA RISPOSTA GRAZIE MILLE

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Caro signore la terapia anticoagulante che lei stà facendo la protegge dal problema vascolare e da eventuali embolie secondarie alla fibrillazione atriale. Per l'angioplastica non posso darle io risposte....saranno i colleghi che la seguono a decidere in base all'evoluzione oggettiva (e non soggettiva) del quadro.
Per la fibrillazione atriale invece le consiglierei di rivolgersi a un bravo aritmologo per stabilire se ci siano indicazione a eseguire un'ablazione transcatetere con RF, che ha come obiettivo quello di eliminare radicalmente il problema aritmico.
Cordialmente